Tares: niente proroga al 2014 per la tassa che costerà più dell’Imu

A
A
A
di Redazione 28 Marzo 2013 | 10:16

La possibile proroga preparata nei giorni scorsi dal ministero dell'Ambiente per disinnescare la mina tributo-rifiuti non ha ottenuto il via libera del Consiglio dei ministri


LA POSSIBILE PROROGA – Niente rinvio al 2014 per la Tares, la tassa sui rifiuti che ha sostituito la Tarsu e la Tia. Una possibile proroga infatti preparata nei giorni scorsi dal ministero dell'Ambiente per disinnescare la mina tributo-rifiuti non ha ottenuto il via libera del Consiglio dei ministri. La riunione del governo, scrive La Repubblica, “non è stata in grado di prendersi la responsabilità di varare un provvedimento che ha implicazioni anche sui conti pubblici in zona Cesarini”. A luglio quindi dovrà essere pagata la prima rata della Tares.

RISCHIO LIQUIDITA’ – E il problema quindi resta. Le aziende rischiano una crisi di liquidità perché non hanno la possibilità incassare le entrate per il servizio prima di settembre-ottobre. L’Anci nei giorni scorsi aveva chiesto “il mantenimento degli attuali regimi di riscossione del servizio di gestione dei rifiuti (Tarsu, Tia1 e Tia2), assicurando, al contempo, le entrate riferite ai servizi pubblici indivisibili (pulizia del verde, illuminazione pubblica, etc)”.

LA DIFFICOLTA’ PER LE FAMIGLIE – La nuova Tares – calcolata in base alla superficie calpestabile degli immobili e non quindi sul numero di abitanti nell’alloggio come accadeva in alcuni comuni per la Tarsu – rischia di mettere in difficoltà anche le famiglie con un aumento, rispetto alle vecchie Tarsu e Tia del 2012 calcolato nella misura del 36%: in totale l'aggravio sarebbe di 1,8 miliardi rispetto al 2012. Inoltre la Tares è gravata di un "balzello" di 30 centesimi al metro quadrato (che discrezionalmente può essere portato a 40) che andrà a finanziare i servizi indivisibili dei Comuni.

COME FARE PER PAGARLA – Per il pagamento della Tares le modalità da seguire saranno le stesse previste dal modello F24 per l’Imu e quindi il bollettino postale F24. La tariffa è composta da una parte fissa, determinata in relazione  alle componenti essenziali del costo del servizio, riferite in particolare agli investimenti per le opere e ai  relativi ammortamenti; e da una parte variabile, rapportata alle quantità di rifiuti conferiti, al servizio fornito e all’entità dei costi di gestione. Secondo una stima della Uil servizio politiche territoriali, costerà 305 euro medi contro i 218 euro medi pagati per l'imposta sugli immobili nel 2012 per lo stesso appartamento.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X