Assicurazioni auto “unisex”: le donne pagano meno di prima

A
A
A
di Redazione 18 Gennaio 2013 | 15:35

Molte compagnie hanno uniformato i prezzi agevolando le guidatrici. Lo rivela l’ultima indagine dell’Osservatorio SuperMoney, che ha confrontato i costi assicurativi applicati oggi con quelli di tre mesi fa

INVERSIONE DI TREND – A fine ottobre, prima dell’introduzione della tariffa assicurativa “unisex”, si registrava una tendenza al rialzo per le polizze stipulate dalle donne. Ora questo trend sembra essersi invertito.Lo rivela l’ultima indagine condotta dall’Osservatorio SuperMoney, portale per il confronto delle migliori assicurazioni auto.

LA RICERCA – Ecco cosa è emerso confrontando due dei profili standard stabiliti dall’Ivass (ex Isvap), un guidatore e una guidatrice di 40 anni, con auto di 1.300 cc alimentata a benzina, in classe bonus-malus CU 1, nella città di Milano. Il prezzo medio per questi due profili (media calcolata sulle prime quattro compagnie) è oggi pari a 389 euro: lo scorso ottobre un uomo pagava in media 383 euro, mentre una donna 399 euro. Nel complesso dunque, le signore sono state avvantaggiate dalla novità.

QUINTA CLASSE – Se dalla prima classe bonus-malus si passa alla 5a classe di merito, mantenendo invariati i profili degli automobilisti, si scopre che in questo caso si è assistito a un rincaro per uomini e donne. Il prezzo medio oggi è di 525 euro, con un aumento del 9% per gli uomini e dell’8% per le donne. Anche in questo caso, dunque, le guidatrici ne escono vittoriose. Infine, SuperMoney ha effettuato il confronto su due guidatori (uomo e donna) in classe di merito 10: entrambi oggi pagano in media 633 euro, contro i 622 pagati dall’uomo e i 635 pagati dalla donna tre mesi fa.

LE COMPAGNIE VANTAGGIOSE – Quali sono le compagnie più vantaggiose per chi deve assicurarsi in questo momento? In base ai profili considerati, ai primi posti troviamo:

Conte.it si è rivelata la compagnia più virtuosa, riducendo i prezzi del 7-8% rispetto a tre mesi fa: oggi i guidatori (e le guidatrici) in prima classe pagano circa 420 euro, in quinta classe 507 euro e in decima classe 558 euro.

Direct Line, che aveva già introdotto le tariffe “unisex” a ottobre, da allora ha mantenuto i prezzi invariati: 364 euro per la prima classe di merito, 444 euro per chi si trova in CU 5 e 587 per i guidatori in classe 10.

Quixa ha modificato leggermente i prezzi, agevolando soprattutto le signore. Oggi le polizze costano 383 euro per gli automobilisti in prima classe, 435 euro per chi è nella quinta classe e 441 euro per chi è in decima classe CU.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Rc Auto, dopo cali di marzo e aprile le tariffe risaliranno?

Coronavirus e RC auto, la sospensione non sempre conviene. I rischi

Rc Auto e coronavirus, ecco le novità introdotte dal decreto Cura Italia

NEWSLETTER
Iscriviti
X