L’Imu costa il 160% in più dell’Ici

A
A
A
di Redazione 14 Gennaio 2013 | 15:46

I dati emergono dalle elaborazioni dell'Adnkronos, che ha messo a confronto le entrate dell'imposta comunale sugli immobili, fornite dall'Istat e le stime sul gettito 2012 confermate dagli enti locali
 

ERA MEGLIO PRIMA – Cara vecchia Ici. Non poi così “cara” dal momento che la nuova imposta sugli immobili introdotta dal governo Monti, l’Imu, costerà tra il 150% e il 160% in più rispetto proprio all’ultimo versamento dell’Ici. Sono le stime fatte dell’agenzia Adnkronos che ha messo a confronto le entrate dell'imposta comunale sugli immobili, fornite dall'Istat (pari a 9,07 miliardi nel 2011 e 11,9 miliardi nel 2007), e le stime sul gettito 2012 confermate dagli enti locali, di circa 23-24 miliardi per l'anno appena terminato.

QUALCHE CALCOLO – Dall'acconto dell'Imu, versato a giugno, sono arrivati 9,93 miliardi, a cui si è aggiunta una cifra analoga con il saldo versato a dicembre, per una somma complessiva di 19,9 miliardi. Il governo ha ricordato che l'Imu erariale ammonta a circa 8,9 miliardi di euro annui, mentre l'Imu comunale è di circa 12,2 miliardi di euro. Il gettito complessivo, quindi, scrive Adnkronos, è di circa 21,1 miliardi di euro annui.

TASSAZIONE ALL'ITALIANA – L’agenzia di stampa sottolinea inoltre come l’Italia sia il Paese con la più bassa tassazione della proprietà immobiliare pari allo 0,6%, contro il 3,1% di Stati Uniti, il 2,1% del Giappone, il 2,4% della Francia, il 3,5% del Regno Unito, il 3,1% del Canada e l'1,1% della media Ocse. Ma che proprio con l’introduzione dell’Imu il nostro Paese potrebbe facilmente balzare in avanti nella classifica, scalando molte posizioni.

L’OMBRA DI INCOSTITUZIONALITA’ – Ma a pesare sull’Imu potrebbe essere il rischio di incostituzionalità, perché la tassa violerebbe la capacità contributiva e l'uguaglianza: non è un'imposta sulla proprietà, ma controla proprietà". A dirlo sono i membri dell'associazione nazionale Globoconsumatori, che annunciano una pioggia di richieste di rimborsi contro l'Imu. In tre giorni 150 richieste di rimborso Imu sono nella sola Alessandria sono state raccolte dall’associazione. Come riporta l’Ansa, in molte altre città stanno raccogliendo il nostro invito”, ha spiegato il presidente Mario Gatto.

SUL PIEDE DI GUERRA – Anche Confabitare sarebbe scesa in campo nella crociata contro l’Imu. “È un’imposta imposta incostituzionale, oltre che palesemente iniqua”, ha dichiarato il presidente dellassociazione proprietari immobiliari, Alberto Zanni. “Una tassa non sul patrimonio, ma contro il patrimonio e la proprietà. Di qui la nostra decisione di lanciare una campagna nazionale per ricorrere contro questa mostruosità fiscale e chiedere il rimborso dei pagamenti versati". La modulistica sarebbe disponibile nelle sedi dell'associazione che garantisce assistenza legale e fiscale a chi aderirà singolarmente o attraverso una class action alla lotta contro l’odiata tassa.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Sono 44 i Paesi pronti a scambiarsi informazioni fiscali

Fisco, tutte le scadenze di fine mese

NEWSLETTER
Iscriviti
X