Altro giro di vite sulla casa: aumenta la tassazione dei canoni di locazione

A
A
A
di Redazione 7 Gennaio 2013 | 16:16

Il Sole 24 Ore ricorda che dal primo gennaio è in programma un inasprimento fiscale. La cedolare secca diventa così sempre più conveniente
 


ANCORA AUMENTI – Con il 2013 sta per arriva un’ulteriore stretta sulla casa. Dal primo gennaio è in programma un inasprimento fiscale per la tassazione dei canoni di locazione. Secondo quanto ricorda Il Sole 24 Ore, a  ridursi, dal precedente 15% al 5%, la misura di abbattimento forfettario dell’imponibile riconosciuto al proprietario per compensare le spese di mantenimento del bene.

MEGLIO LA CEDOLARE SECCA – Con questa modifica, per un canone di 12 mila euro, il vecchio imponibile di 10.200 euro risulta incrementato dal 2013 a 11.400 euro. Dunque 1200 euro in più che all’aliquota minima del 23% significano 276 euro di maggiore Irpef da mettere in conto, oltre al maggiore carico di addizionali regionali e comunali. La cedolare secca diventa così sempre più conveniente; è previsto infatti sia possibile correggere la registrazione di un contratto di locazione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti