Italia ultima in Europa: il 29% della popolazione non ha un conto bancario

A
A
A
di Redazione 7 Gennaio 2013 | 08:14

Secondo uno studio Western Union i primi posti della classifica sono occupati da Danimarca e Finlandia in cui tutti i cittadini hanno un conto
 


ULTIMI IN EUROPA – Un altro record negativo per il nostro Paese. In Italia, secondo quanto emerge da uno studio di Western Union le persone dai 16 anni senza un conto bancario sono il 29% a fronte di una media europea al 14%. I primi posti sono occupati da Danimarca e Finlandia in cui tutti i cittadini hanno un conto. Seguono gli altri principali Paesi tra 93% e 99%. Sul fondo della classifica dietro all’Italia solo Polonia, Bulgaria e Romania. Mentre siamo ultimi in Europa per le difficoltà di accesso al credito

STRETTA DEL CREDITO – Il report di Western Union conferma che solo il 5% delle persone con più di 15 anni (rispetto al 12% europeo) è riuscito ad avere un prestito negli ultimi 12 mesi. La stretta del credito coinvolge anche i prestiti erogati da amici e parenti che in Italia coinvolgono solo il 3% delle persone dai 16 anni in su, rispetto al 13% della media europea. L'Italia sale in classifica per titolari di carte di credito con il 31% degli over 15 anni, ma restano "ancora poco diffuse", ed anche in questo caso siamo sotto la media europea del 36%.

GLI IMMIGRATI – Poco diffusi anche i conti correnti fra gli immigrati che inviano rimesse nel proprio Paese: in Italia li impiegano solo tre stranieri su 100, contro il 12% europeo. Non c'è da sorprendersi, rileva quindi Western Union, che in Italia una larga quota dei pagamenti avvenga ancora in contanti, anche se è in forte crescita l'Internet banking; uno scenario caratterizzato anche da un forte flusso di denaro che va verso altre nazioni sotto forma di rimesse degli emigranti.

 height=904

Fonte: Banzai

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X