Famiglie sempre più disuguali. Bankitalia: “Al 10% il 45,9% della ricchezza”

A
A
A
di Redazione 14 Dicembre 2012 | 14:18

La crisi inoltre continua a erodere la ricchezza netta delle famiglie italiane che nel 2011 ha subito un calo dello 0,7% a prezzi correnti e del 3,4% in termini reali


AUMENTA LA DISUGUAGLIANZA – “Tutte le famiglie felici si somigliano; ogni famiglia infelice è invece infelice a modo suo”. Lo diceva Tolstoj nell’incipit di Anna Karenina. Bankitalia parla invece di ricchezza. Secondo il rapporto di Via Nazionale, infatti, la distribuzione della ricchezza è caratterizzata "da un elevato grado di concentrazione": la metà più povera delle famiglie italiane detiene il 9,4% della ricchezza totale, mentre il 10% più ricco ha il 45,9%. Di più: l'indice di Gini, che misura il grado di disuguaglianza, risulta in aumento.

 src=http://www.abcrisparmio.it/pictures/20121214/ricchezza-famiglie-2011.jpeg
Fonte: Banzai

FAMIGLIE PIU’ POVERE – La crisi inoltre continua a erodere la ricchezza netta delle famiglie italiane che nel 2011 ha subito un calo dello 0,7% a prezzi correnti e del 3,4% in termini reali. Nel dettaglio, alla fine dell'anno scorso il dato aggregato era pari a circa 8.619 miliardi di euro, cioè poco più di 140 mila euro pro capite e 350 mila euro in media per famiglia, tornando più o meno sui livelli di fine anni Novanta.

TIPOLOGIE DI INVESTIMENTO – Quanto alle forme di investimento preferite, dopo la flessione registrata nel 2010 gli italiani hanno ripreso a comprare Bot e Btp e nel 2011 la quota di ricchezza detenuta in titoli pubblici italiani è cresciuta di oltre un punto percentuale, pari ad un aumento di oltre 30 miliardi di euro, tornando ai livelli del 2009.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti