L’Imu non frena l’appetito per il mattone

A
A
A
di Omero Cambi 4 Dicembre 2012 | 14:55

Nonostante l'imposta, gli italiani dichiarano di stare pensando a una seconda casa come investimento. A svelarlo è il portale Casa.it


L'IMPOSTA SUGLI IMMOBILI – Il 17 dicembre gli italiani dovranno pagare l’ultima rata dell’Imu. Un’imposta che grava sui proprietari di immobili per oltre 18 miliardi di euro, di cui quasi 15 solo sui proprietari di seconde case. Il portale immobiliare Casa.it ha sondato gli umori dei suoi utenti chiedendo loro se, a causa dell’Imu, hanno modificato le loro abitudini d'uso dell’immobile. Il 31,8% dichiara di essere intenzionato a vendere la sua seconda casa proprio a causa dell’introduzione dell’imposta, soprattutto i possessori di un immobile nello stesso luogo di residenza.

IN CRESCITA GLI AFFITTI – Gli altri intervistati che hanno deciso, a seguito dell’introduzione dell’Imu, di dare in affitto la seconda casa, si dividono tra chi ha deciso di rinunciare a godere dell’immobile per affittarlo tutto l’anno (10,2%) e chi ha preferito affittare l’immobile per le porzioni di anno in cui non lo usa (6,8%). Il totale dei proprietari di seconde case che hanno deciso di cambiarne l’utilizzo è del 48,8%. Fra chi non possiede una seconda casa, il 20% si è dichiarato intenzionato ad acquistarne una nei prossimi 12 mesi: il 43,1% lo farà a scopo di investimento, perché ritiene questo periodo favorevole a un investimento “nel mattone”.

IL MATTONE PIACE ANCORA – Infine, il 41% degli intervistati che hanno in previsione di acquistare una seconda casa nel prossimo anno è intenzionato a farlo nel loro luogo di residenza. Specialmente nel Sud Italia (44%), con l’intenzione di affittare l’immobile appena acquistato. "L'Imu ha aumentato la contribuzione richiesta ai proprietari di seconde case", commenta Daniele Mancini, amministratore delegato di Casa.it, "e sta incidendo sia sui valori sia sui volumi del mercato. Si conferma l'interesse degli italiani 'mattone', un mercato che da sempre raccoglie la ricchezza dei privati e viene considerato un buon investimento nel lungo periodo”.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti