Carte di credito, strumenti utili e poco usati

A
A
A
di Andrea Barzagni 27 Novembre 2012 | 13:30

La diffusione delle carte di credito in Italia è frenata da alcuni luoghi comuni. Eppure sono strumenti di pagamento molto sicuri, comodi e flessibili. Scopri tutti i vantaggi


Con l’avanzare del progresso tecnologico anche i metodi di pagamento sono cambiati in meglio. Grazie alla moneta virtuale è possibile infatti effettuare transazioni in modo rapido, comodo e sicuro. Per adeguarsi a queste nuove esigenze, le banche hanno modificato la propria offerta, ampliandola con numerosi prodotti nuovi. Per trovare la soluzione di pagamento più adatta a sé non resta dunque che porre le carte di credito offerte dai vari istituto a confronto, piuttosto che le prepagate, o qualsiasi altro strumento risponda ad hoc alle proprie esigenze.

Se in tanti altri paesi la moneta elettronica è ormai la regola, altrettanto non si può dire per l’Italia. Nel nostro Paese, infatti, il 90% dei pagamenti avviene ancora in contanti. E questo nonostante nell’ultimo anno siano state introdotte delle misure per incentivare l’uso della moneta elettronica, come per esempio il limite a 1.000 euro per le transazioni in contanti e l’obbligo per i negozianti di accettare i pagamenti con carta. Il principale limite alla diffusione delle carte di credito, tuttavia, sono dei luoghi comuni molto radicati. Vediamoli nel dettaglio.

Sicurezza, controllo e costi
Contrariamente a quanto si pensa le carte di pagamento:
– Sono più sicure dei contanti. Possono infatti essere bloccate, 24 su 24 e 7 giorni su 7 anche dall’estero, in caso di furto o smarrimento. Ad ogni spesa, anche per le prepagate, il titolare riceve un sms che lo informa dell’avvenuto acquisto. Se vengono clonate, saranno rimborsate tutte le spese effettuate dopo la disattivazione (tranne un franchigia di 150 euro). Garanzie anche per l’e-commerce, grazie a password e protocolli di sicurezza molto affidabili.
– Permettono il controllo delle spese. L’estratto conto, annuale o mensile, riporta tutti gli acquisti e può essere personalizzato con statistiche che aiutino a pianificare meglio le uscite future. Il monitoraggio è disponibile anche in tempo reale tramite internet banking.
– Esistono anche in versione a costo zero. Anche le carte con un canone annuo ormai prevedono che questo venga ridotto effettuando un certo numero di operazioni. Inoltre, le commissioni sui pagamenti ricadono interamente sui negozianti, mai sui clienti (diverso il caso delle commissioni per il rifornimento carburanti, che varia da banca a banca).

Tutti i vantaggi delle carte di credito
Poca attenzione, invece, è dedicata di solito ai pregi dei pagamenti elettronici. Ecco una panoramica di alcuni dei principali vantaggi di questi strumenti:
– Validità internazionale: le carte di credito sono accettate in qualunque Paese senza problemi di cambio valuta, perché si appoggiano ai circuiti internazionali di pagamento.
– Addebito posticipato delle spese: solo con le carte di credito si può pagare anche quando non si ha liquidità sul conto corrente, perché l’addebito delle spese avviene il mese successivo.
– Acquisti online: il pagamento con carta è la tipologia di pagamento più diffusa e più sicura per lo shopping su internet.
– Addebiti spese: le carte di credito possono essere utilizzate anche per l’addebito diretto (RID) delle utenze o di altri pagamenti.
– Assicurazioni: molte carte sono abbinate a polizze che proteggono gli acquisti (anche online) oppure i viaggi acquistati con pagamento elettronico.
– Programmi fedeltà: pagare con le carte permette di accumulare punti che si trasformano in sconti sugli acquisti o in premi. In particolare le carte co-brand, legate a marchi specifici, offrono vantaggi dedicati: ad esempio, la carta Alitalia associa gli acquisti all’accumulo di punti Millemiglia.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X