31 agosto | Unico e Irap 2016, versamenti per persone fisiche

A
A
A
di Redazione 21 Luglio 2016 | 14:55
Ecco chi è interessato a questo tipo di scadenza fiscale e come bisogna pagare

Come riporta FiscoOggi.it, le persone fisiche non titolari di partita Iva e non partecipanti a soggetti interessati dagli studi di settore e che hanno scelto il pagamento rateale effettuando il primo versamento entro il 16 giugno devono versare la quarta rata delle imposte risultanti dalle dichiarazioni Unico e Irap 2016, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,82%, entro il 31 agosto.

Coloro che hanno effettuato il primo versamento entro il 18 luglio maggiorando l’intero importo da rateizzare dello 0,40%, devono versare la terza rata, con applicazione degli interessi dello 0,46%. Per coloro che partecipando a soggetti “interessati” dagli studi di settore hanno potuto effettuare il primo versamento entro il 6 luglio, si tratta di versare la terza rata, con applicazione degli interessi dello 0,60%; qualora il primo versamento sia stato effettuato entro il 22 agosto maggiorando l’intero importo da rateizzare dello 0,40%, si tratta del versamento della seconda rata, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,09%.

Il versamento va effettuato tramite modello F24 con modalità telematiche direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste italiane e agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato. I non titolari di partita Iva possono presentare l’F24 cartaceo presso banche, Poste italiane e agenti della riscossione solo quando devono versare, senza utilizzo di crediti in compensazione, somme per un importo totale pari o inferiore a 1.000 euro (oppure quando devono pagare F24 precompilati dall’ente impositore). Questi i codici tributo da indicare:

4001    Irpef – saldo
4033    Irpef acconto – prima rata
1668    interessi per pagamento dilazionato – imposte erariali
3801    addizionale regionale all’Irpef
3843    addizionale comunale all’Irpef – autotassazione – acconto
3844    addizionale comunale all’Irpef – autotassazione – saldo
1840    imposta sostitutiva su locazioni abitative (“cedolare secca”) – acconto prima rata
1842    imposta sostitutiva su locazioni abitative (“cedolare secca”) – saldo
1683    contributo di solidarietà
4041    imposta sul valore degli immobili situati all’estero (Ivie) – saldo
4044    imposta sul valore degli immobili situati all’estero (Ivie) – acconto prima rata
4043    imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero (Ivafe) – saldo
4047    imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero (Ivafe) – acconto prima rata
4200    acconto imposte sui redditi soggetti a tassazione separata
1100    imposta sostitutiva su plusvalenza per cessione a titolo oneroso di partecipazioni qualificate
3805    interessi per pagamento dilazionato – tributi regionali
3857    interessi per pagamento dilazionato – tributi locali.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Criptoinvestitori, il fisco vi osserva

Fisco, tutte le novità del decreto per i consulenti

NEWSLETTER
Iscriviti
X