Modalita’ stand-by, una guida per risparmiare e salvare l’ambiente

A
A
A
di Gianluca Baldini 29 Luglio 2016 | 10:01

Oggi spegnere gli elettrodomestici è quasi diventato impossibile. La maggioranza degli apparecchi tecnologici che abbiamo in casa, quando non vengono utlizzati, vanno in stand-by, quella lucina rossi che li rendi pronti all’uso ogni volta che vogliamo. Ma gli esperti di Selectra, gestori del sito web Luce-Gas.it hanno rilevato che la modalità di stand-by, oltre a non giovare all’ambiente, ci costa circa 72 euro l’anno in bolletta.

Ecco una lista dei maggiori divoratori di energia: quello più famelico è il frigorifero con i suoi 480 Wh (wattora) al giorno, seguito da stereo (197 Wh), computer e stampante (175 Wh), router per connettersi a internet (108 Wh), tv e Dvd (94 Wh). L’analisi ha preso in considerazione i vari elettrodomestici e dispositivi elettrici ed elettronici nelle stanze di un appartamento e stimato in agosto, considerando la casa vuota, un consumo di 46,3 Kwh.

In particolare, fra cucina e bagno i consumi inutili riguardano appunto il frigo, la caldaia (68Wh al giorno), il microonde (65) e la lavatrice (16); nella camera da letto sono stati inseriti tv (che ha un consumo medio giornaliero di 85 Wh), radiosveglia (49Wh) e carica batterie per il cellulare (46Wh); nel salone oltre a stereo, tv e dvd, la spina del climatizzatore che resta inserita nella presa di corrente consuma 36 wattora in media al giorno e quella del decoder 61. E chi ha uno studio, se non stacca la spina quando è in vacanza, consumerà al giorno per pc (91 wh), fax (42) e stampante (84).

Stimando il costo dell’energia 0,315 euro per kilowattora, le lucine rosse degli elettrodomestici in un anno consumano circa 320 kWh, pari a 72 euro. Staccando la spina di tutto (o quasi) ad agosto, il risparmio mensile è di 14,6 euro. Secondo una recente valutazione del Natural Resources Defence Council che riguarda gli Stati Uniti, a causa dello stand by ogni anno si consumano 19 miliardi di dollari con un rilascio in atmosfera di 44 milioni di tonnellate di anidride carbonica.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: utility in fermento in scia al caro bollette

Bollette luce e gas, che succede se non pagate

Coronavirus, bollette sospese? L’impatto sulle utility

NEWSLETTER
Iscriviti
X