Il condominio non può più vietare cani e gatti negli appartamenti

A
A
A
di Redazione 8 Settembre 2016 | 08:32

Un passo in più nella tutela degli animali negli appartamenti: il tribunale di Cagliari ha stabilito che non si può impedire ai singoli proprietari di appartamenti di tenere cani e gatti o altri animali di compagnia in casa propria. Anche se l’eventuale divieto è stato approvato all’unanimità da tutti i condomini. Lo riporta il sito www.firstonline.info.
Il Tribunale di Cagliari ha così chiarito, per la prima volta in modo esplicito, che anche il regolamento di natura contrattuale, ossia quello deliberato all’unanimità o predisposto dal costruttore dello stabile condominiale ed allegato ai singoli atti di compravendita, è nullo in quanto contrario alla riforma del condominio e, quindi, all’ordine pubblico.

La riforma alla quale si fa riferimento è quella introdotta nel 2012 nel codice civile: in essa venne stabilito che i regolamenti di condominio non possono contenere divieti al possesso di animali in casa. Tuttavia le prime interpretazioni avevano ritenuto che tale disposizione potesse essere derogata solo con l’unanimità dei consensi: adesso però la procura sarda ha fatto chiarezza, e tutti gli amanti degli animali potranno legittimamente tenerli nei loro appartamenti, secondo il “sacrosanto diritto all’animale di compagnia”.

La sentenza parla infatti della necessità “di valorizzare il rapporto uomo-animale e, per altro verso, nell’affermazione di quest’ultimo principio anche a livello europeo”, e cita anche altre sentenze della Cassazione che riconoscono “il diritto di visita in carcere al cane del detenuto, in quanto membro della famiglia, o il diritto di visita in ospedale al cane del paziente ricoverato, costituendo il rapporto uomo-animale un’attività realizzatrice della personalità umana”. Persino il Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea, ratificato dalla Legge 130/2008 all’articolo 13, stabilisce che l’Unione e gli Stati membri “tengono pienamente conto delle esigenze in materia di benessere degli animali in quanto esseri senzienti”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

I dieci “cani” del Ftse Mib per il 2021

Una banca da cani

Due portafogli dei “Cani” su tre in pari: Ftse Mib -20% da inizio anno

NEWSLETTER
Iscriviti
X