Come non regalare 51 euro all’anno alla propria banca

A
A
A
di Redazione 23 Settembre 2016 | 10:55

Circa metà dei correntisti italiani regala ogni anno alla propria banca fra i 24 e i 51 euro per le spese relative al conto corrente, scrive il sito www.firstonline.info. Soldi che, molto spesso, sarebbe facile risparmiare: basterebbe controllare le tariffe che l’istituto di credito ha introdotto dopo la sottoscrizione del conto. In questo modo – secondo uno studio pubblicato dalla Banca d’Italia e curato dall’economista Nicola Branzoli – la riduzione dei costi dovrebbe essere consistente, compresa fra il 38 e il 68% del totale.

Insomma, occorre vincere la pigrizia e controllare il canone base del conto, che dopo anni di concorrenza fra gli istituti spesso è ridotto a zero. Di conseguenza, i conti su cui è più importante compiere queste revisioni sono quelli più vecchi, aperti quando la concorrenza fra le banche era ancora una chimera. Le persone più a rischio sono perciò gli anziani, che molto spesso, sotto la pressione dell’abitudine, sono i più restii a modificare qualcosa nei propri rapporti con la banca.

Eppure, stando ai calcoli, per ogni anno di rapporto con l’istituto di credito c’è almeno un euro che si potrebbe risparmiare semplicemente chiedendo l’aggiornamento delle tariffe. Stando all’analisi di Bankitalia, sarebbe utile indurre i consumatori a riconsiderare la scelta sul conto corrente più adatto ogni otto anni. Tenendo sempre a mente una regola d’oro: per evitare spese inutili allo sportello, il criterio di base più importante è quello di scegliere un conto online.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

L’altolà di Banca d’Italia: possibili vincoli su mutui e prestiti

Tips, la piattaforma europea per i pagamenti elettronici potrebbe favorire la nascita dell’euro digitale

Compro oro sotto i riflettori, cresce rischio riciclaggio?

NEWSLETTER
Iscriviti
X