Telefoni e pc portatili liberi dalle tasse

A
A
A
di Redazione 27 Settembre 2016 | 14:49

Grazie alla decisione della Corte di Giustizia Europea, telefonini e pc portatili saranno a prezzi più bassi. È stato infatti bocciato il meccanismo italiano del cosiddetto equo compenso Siae.

Ogni volta che si acquista un dispositivo elettronico capace di memorizzare dati in qualsiasi forma: computer, hard disc esterno, cellulare, dvd, sim, macchina fotografica digitale, pennette usb, ecc., si paga una tassa. Questa tassa è imposta dalla Siae, la società che protegge il copyright di autori ed editori, e le società produttrici. La “Tassa” Siae serve a ricompensare i titolari di diritti d’autore per le eventuali copie che verranno fatte sulle memorie acquistate, di opere protette.

Questo sistema presume che sulle memorie esterne verranno utilizzate per copiare, ad esempio: film, album musicali, fotografie, audiobook e quant’altro sia coperto da copyright.  Questa presunzione penalizza anche chi normalmente non effettua copie di materiale coperto da copyright. Mettendo questa “tassa” alla fonte, sull’acquisto del dispositivo tutti la pagano e a nessuna viene restituita in caso di non utilizzo.

Ora, secondo una sentenza della Corte di Giustizia Europea, il meccanismo dell’equo compenso è illegittimo laddove fa pagare la tassa anche su quelle memorie e dispositivi chiaramente non destinati a un uso privato, ma professionale o per società. In questi casi è evidente come l’utilizzo di pc, telefoni, ecc., non sia finalizzato alla scaricamento di file essenzialmente ludici, ed è quindi sbagliato sottoporli al balzello come invece avviene quando tali memorie sono destinate al tempo libero.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X