Pensionati all’assalto. Ecco perché è a rischio la fusione tra Banco Popolare e BPM…

A
A
A
di Redazione 28 Settembre 2016 | 15:15

A distanza di poche settimane dalle assemblee dei soci di Banco Popolare e Banca Popolare di Milano (in calendario il 15 ottobre), il destino del progetto di fusione tra i due istituti non sembra più essere certo. Se fino ad alcune settimane fa, la fusione veniva considerata praticamente fatta, adesso sono i soci pensionati di Bpm a mischiare le carte in tavola. Le associazioni che riuniscono i soci pensionati dell’istituto milanese, infatti, hanno fatto sapere che è loro intenzione votare “no” alla delibera di fusione Banco Popolare BPM.

Il rischio che da Milano arrivi un secco stop all’integrazione tra le due popolari no è quindi remoto. La situazione verso la quale si andrebbe incontro sarebbe questa: da un lato i soci del Banco Popolare ovviamente favorevoli all’integrazione e dall’altro quelli di Bpm contrari. Uno scenario simile sarebbe il fallimento non solo della prima seria integrazione tra le banche popolari italiane.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, nasce un gigante italiano

Banco Bpm: in tre giorni di Borsa, passato il 10% del capitale

Matrimonio Banco Popolare – Bpm, l’ultimo ostacolo è la Consulta

NEWSLETTER
Iscriviti
X