Abbonamenti Trenitalia a rischio per l’Alta Velocità, i costi potrebbero raddoppiare

A
A
A
di Redazione 5 Ottobre 2016 | 09:13

Dal primo gennaio i lavoratori pendolari tra le principali città italiane potrebbero avere una sgradita sorpresa. Trenitalia sta infatti considerando l’ipotesi di congelare gli abbonamenti per l’Alta Velocità a partire dal primo gennaio 2017.
Lo ha spiegato ieri l’amministratore delegato di Trenitalia, Barbara Morgante, alla commissione Lavori pubblici del Senato.
La decisione dipende da una richiesta dell’Autorità dei trasporti a Trenitalia nella quale si chiede un aggiornamento dei sistemi informativi in considerazione delle nuove regole su diritti e doveri degli abbonati Av.
A pagarne il prezzo – è il caso di dire – rischiano però di essere gli utilizzatori del servizio.
Un abbonamento permette di viaggiare tra Torino e Milano, ad esempio, al prezzo di 15,90 euro al giorno, invece dei 32 di una singola corsa, ma – ha spiegato Morgante al Senato – spesso fa sì che sui treni non si trovino più posti liberi perché risultano prenotati dagli abbonati, anche se in realtà non sono stati utlizzati”.
Un’altra ipotesi è che Trenitalia possa decidere di tenere in vita gli abbonamenti, seppur a un prezzo maggiore, o comunque di differenziare l’offerta con l’introduzione di abbonamenti settimanali.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Abbonamenti, il business model del futuro

La mail minaccia la perdita dei dati di WhatsApp, ma in gioco ci sono i tuoi soldi

NEWSLETTER
Iscriviti
X