Addio Equitalia, cosa cambia per i contribuenti

A
A
A
di Redazione 17 Ottobre 2016 | 09:39

Addio Equitalia nella forma di S.p.a. L’ufficio di riscossione diventerà una parte dell’Agenzia delle Entrate, che ne controlla il 51% (il restante 49% è dell’Inps). La transizione dovrebbe durare sei mesi. È una delle novità contenute nel decreto approvato dal governo, insieme alla Legge di Bilancio.

Ma per i contribuenti, l’operazione ha un risvolto importante: determinerà l’apertura di una “sanatoria” sulle cartelle che giacciono sugli scaffali di Equitalia. Un passaggio che – nelle stime del governo – potrebbe portare a incassi per 4 miliardi di euro.

I cittadini dovranno pagare il dovuto, ma verranno cancellati gli interessi di mora e le sanzioni, che possono portare a far triplicare il peso dell’imposta evasa. La stima è che lo sconto sia tra il 30 e il 50% della cartella, con una platea che riguarda oltre 50 miliardi di crediti.  

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

L’Agenzia delle Entrate riconosce il beneficio fiscale delle Pmi innovative quotate su Aim

Isa, tre imprese italiane su 10 devastate dalla pandemia e ammazzate dallo Stato

Aim Italia, IR Top Consulting: importante mantenere gli incentivi fiscali per le Pmi innovative

NEWSLETTER
Iscriviti
X