Rottamazione Equitalia per le multe stradali. Ecco come fare domanda

A
A
A
di Redazione 25 Ottobre 2016 | 09:49

Con l’abolizione di Equitalia inserita nella Legge di Bilancio 2017 i contribuenti potranno aderire alla sanatoria sulle cartelle esattoriali anche per le infrazioni al codice della strada.

 

Ma come funziona la rottamazione Equitalia sulle multe stradali e come fare per non pagare interessi e sanzioni? Lo spiega il sito www.forexinfo.it

Lo sconto riguarderà le cartelle notificate tra il 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2015 e saranno i contribuenti a dover richiedere l’adesione alla procedura con apposita domanda da presentare ad Equitalia.

Vediamo insieme i dettagli sulla rottamazione delle multe stradali: come funziona e come fare domanda per aderire alla sanatoria delle cartelle Equitalia per interessi e sanzioni.

Sanzioni e interessi cancellati anche per le multe stradali: la novità viene annunciata da Padoan e sembra ormai ufficiale. La rottamazione Equitalia, accompagnata da uno sconto sulle cartelle esattoriali si allarga e prevede la possibilità anche per gli automobilisti morosi di pagare un importo minore.

Come funziona la sanatoria sulle multe per violazioni del codice della strada? Si tratta di uno sconto parziale: verranno cancellati gli interessi che, si ricorda, aumentano del 10% dopo 6 mesi di mancato pagamento della somma addebitata.

Per l’applicazione della sanatoria sull’importo della multa sarà necessaria l’approvazione e l’adesione da parte dei Comuni alla rottamazione delle cartelle Equitalia. Infatti, trattandosi di una sanzione amministrativa, ovvero somma di spettanza territoriale, bisognerà attendere la delibera dei singoli Enti locali.

Entro 30 giorni dall’entrata in vigore della norma contenuta nel decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2017, i Comuni e gli Enti locali che aderiranno alla sanatoria su interessi e sanzioni per le multe stradali, dovranno pubblicare sul sito istituzionale la delibera di adesione alla procedura.

I contribuenti che potranno beneficiare dello sconto sulle multe dovranno tenere d’occhio il sito istituzionale del proprio Comune e per la sanatoria sulle multe bisognerà seguire alcune specifiche indicazioni. Vediamole insieme.

La sanatoria Equitalia verrà applicata alle cartelle esattoriali relative a multe stradali emesse da Equitalia dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2015.

Come fare per richiedere l’azzeramento di interessi e sanzioni? L’adesione alla procedura dovrà essere richiesta dal contribuente, attraverso la presentazione di apposita domanda entro i 90 giorni dall’entrata in vigore della procedura.

La sanatoria sarà valida anche per chi ha già in corso una rateizzazione e chi vi aderisce non potrà subire pignoramenti, ipoteche o fermo.

Equitalia renderà disponibile sul proprio sito istituzionale il modello per aderire alla sanatoria e il contribuente sarà chiamato a scegliere se pagare la cartella esattoriale in unico importo o in tre rate bimestrali di pari importo.

Entro 180 giorni al contribuente che ha presentato domanda per l’eliminazione di interessi e sanzioni sulle multe stradali verrà comunicato l’ammontare complessivo e rateizzato dell’importo. L’ultima rata di pagamento non potrà comunque andare oltre il 15 dicembre 2017.

Tra le modalità per pagare l’importo della cartella esattoriale senza interessi il contribuente potrà scegliere di farlo tramite domiciliazione bancaria, bollettino precompilato allegato alla comunicazione di Equitalia o a sportello.

Per non decadere dalla procedura che consentirà di alleggerire l’importo della cartella esattoriale Equitalia, il contribuente dovrà prestare attenzione a non saltare o ritardare il pagamento delle rate: si decade dalla rottamazione delle cartelle e si dovrà pagare l’importo maggiorato di interessi e sanzioni se non si è in regola con il pagamento della somma agevolata.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Equitalia, in arrivo la rottamazione-bis

Addio Equitalia. Ma il fisco vi inseguirà lo stesso

Addio a Equitalia, come cambia la riscossione dal 1° luglio

NEWSLETTER
Iscriviti
X