Nuova Voluntary/3 – Sanzioni e termini di accertamento ridotti se i patrimoni sono in Paesi con cui…

A
A
A
di Redazione 25 Ottobre 2016 | 10:34

da www.ilfattoquotidiano.it

Chi si autodenuncia pagherà anche le sanzioni, differenziate a seconda della tipologia di attività che viene sanata. La sanzione minima è pari al 3% dell’ammontare degli importi non dichiarati e viene applicata ai casi di detenzione di capitali in Paesi con cui siano entrati in vigore accordi sullo scambio automatico di informazioni ai fini fiscali. In questi casi, come accaduto in occasione della prima voluntary disclosure, i contribuenti infedeli avranno un altro vantaggio: in deroga alla normativa ordinaria non scatterà il raddoppio dei termini di accertamento a disposizione dell’agenzia delle Entrate rispetto a quelli ordinari di quattro anni (cinque in caso di omessa dichiarazione).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

L’Agenzia delle Entrate riconosce il beneficio fiscale delle Pmi innovative quotate su Aim

Isa, tre imprese italiane su 10 devastate dalla pandemia e ammazzate dallo Stato

Aim Italia, IR Top Consulting: importante mantenere gli incentivi fiscali per le Pmi innovative

NEWSLETTER
Iscriviti
X