Annunci di lavoro e controlli Fisco: attenzione alla nuova truffa

A
A
A
di Redazione 4 Novembre 2016 | 09:54

Una nuova truffa si aggira online. Sui siti di annunci lavoro si leggono spesso offerte per servizi e prestazioni occasionali di diversa natura offerte da chi vuole arrotondare. Le più classiche sono le ripetizioni e il lavoro come baby sitter ma anche servizi di traduzione o redazione bozze etc. Ed è proprio da questi annunci di lavoro che parte la nuova truffa fiscale online.

Alcuni inserzionisti infatti, spiega InvestireOggi.it, dopo aver postato l’annuncio di lavoro su uno di questi famosi siti di annunci, hanno segnalato di essere stati contattati da un sedicente legale del portale stesso per irregolarità emerse a seguito di controlli a campione da parte del Fisco. La voce spiega che l’Agenzia delle Entrate ha riscontrato la mancanza di partita Iva e quindi applicherà una sanzione di quasi tre mila euro per frode. Tuttavia è possibile evitare questa ingente multa regolarizzando la situazione sostenendo immediatamente le spese amministrative che ammontano invece ad una decina di euro. Alla vittima viene chiesto dunque di procedere immediatamente con il pagamento mediante ricarica postepay.

L’importo richiesto al momento della ricarica però non è quello indicato di poche euro ma una cifra ben superiore che oscilla intorno ai 1.000-1.500 euro. La spiegazione che il presunto legale di Ebay o siti di annunci lavoro simili fornisce è che quell’importo non corrisponde al pagamento ma alla cifra bloccata dal Fisco e che in seguito sarà inviata una email con tutti i dettagli.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X