L’incredibile caso del buono postale rimborsato due volte

A
A
A
di Marco Muffato 7 Novembre 2016 | 16:54

Domanda. Due anni dopo l’incasso, una cliente ha ricevuto una raccomandata da parte dell’avvocato di Poste Italiane dove si invia copia del medesimo buono già riscosso in passato, con la sua firma apposta per quietanza, e si richiede la restituzione dell’importo incassato la seconda volta. E’ accaduto due anni fa: la cliente che non ricordava di averlo incassato aveva chiesto a Poste Italiane copia del buono che non possedeva più. Le era stato risposto che il buono non risultava rimborsato, bensì vigente. In base a ciò, la cliente aveva chiesto il rimborso del buono in questione allegando la denuncia di smarrimento. Ora la richiesta di rimborso. E’ tutto regolare? Anche se a sbagliare è stato un ente pubblico? Nel caso, la cliente può chiedere la rateazione del pagamento?
G.C., Roma

Risposta. I fatti sono chiari. Alle Poste si sono sbagliati in occasione della dichiarazione di vigenza del buono e ora che se ne sono accorti domandano che sia restituita la somma pagata la seconda volta giustamente provando, con la firma del cliente per quietanza, che il buono era stato pagato in precedenza. Le Poste quindi sono in diritto di esercitare azione di indebito, possibile entro dieci anni dalla data del secondo pagamento, quello che non doveva essere effettuato. L’errore in cui sono incappate le Poste è dovuto al fatto che l’archivio dei buoni postali è informatizzato soltanto a partire dal 29 febbraio 2004, mentre tutti i buoni emessi nei periodi precedenti sono gestiti su “libroni”, vale a dire registri, presenti in ciascun ufficio. Una tematica di cui ci siamo occupati (leggi qui) . Di sicuro può chiedere e ottenere una modalità di pagamento comoda, dato che l’episodio nasce da un loro errore, e questo non deve ora portare disturbo alla cliente.
E’ infine da notare che Poste S.p.A. non è più ente pubblico dal 1998, e si applicano le leggi sugli enti pubblici solo per i servizi in concessione, vale a dire il servizio postale e per la sola parte non ancora liberalizzata di questo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Cointestatario incassa buono postale all’insaputa degli altri: il rimedio c’è

NEWSLETTER
Iscriviti
X