Mobile payments, le 5 migliori app per pagare con il tuo smartphone

A
A
A
di Daniel Settembre 14 Novembre 2016 | 14:41

Il mobile payments continua la sua crescita e sono tante le aziende che stanno puntando sul trasferimento di soldi attraverso il telefono. A parte Apple, Google e i colossi tech che si stanno lanciando in questo settore, ecco le 5 migliori app italiane per pagare con il proprio smartphone.

Satispay
Disponibiole su iOS, Android e Windows, attivarla inserendo il propri dati identificativi e l’IBAN del proprio conto, e scegliere l’importo che si desidera avere a disposizione settimanalmente sul proprio smartphone per pagare attraverso un network alternativo alle carte di credito e debito in modo gratuito e sicuro. Poi è possibile scambiarsi gratuitamente (fino a 10 euro, poi si pagano 20 centesimi di commissione) denaro con gli amici, oppure recarsi in uno dei 3500 negozi italiani aderenti al circuito per comprare utilizzando soltanto il telefono, in maniera semplice e veloce.

Jiffy
La risposta degli istituti bancari a Satispay: con 23 gruppi bancari che hanno aderito al progetto e un potenziale dell’80% dei 32 milioni di conti correnti attivi in Italia, questa piattaforma ti consente di ricevere e inviare denaro in tempo reale direttamente dallo smartphone. In pratica è come se tu facessi un bonifico dal telefono: scegli il destinatario, la cifra, il messaggio e in un clic il denaro è trasferito.

Solo
Un Pos virtuale che accetta pagamenti con carta di credito semplicemente condividendo un link. Il commerciante si registra sul sito, poi invia un link al cliente – tramite posta elettronica, SMS, messaggio sui social, QR code o NFC – che procede al pagamento da smartphone, tablet o pc. Non ci sono costi, app o hardware necessari; se anche sul fronte sicurezza si dimostrerà all’altezza, può essere la soluzione del futuro.

2pay
L’app che trasforma il tuo numero di cellulare in una carta di credito. In pratica, una volta iscritti l’applicazione ti fornirà un account il cui numero identificativo coinciderà con il tuo numero di telefono: in questo modo non servirà più ricordarsi i 23 caratteri dell’Iban, ma basterà dare un’occhiata alla rubrica del telefono per fare un pagamento. Per i negozi che aderiscono alla piattaforma c’è l’opportunità di fidelizzare i clienti con sconti e promozioni speciali, che verranno segnalati dall’applicazione.

Jusp
Una soluzione pensata soprattutto per i commercianti e i liberi professionisti in grado di trasformare lo smartphone in un Pos. Basta collegare Jusp allo smartphone (ordinandolo online), avviare l’applicazione e procedere alla transazione: una soluzione alternativa al network tradizionale, pur essendo compatibile con i circuiti Visa, Mastercard e Bancomat. Per il cliente non cambia granché, ma è un vantaggio per gli esercenti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bce, tassi invariati. “Adeguamenti a dicembre”

Consulenti, ecco tutte le app che vi possono aiutare

Back to school: l’importanza dell’education finanziaria

NEWSLETTER
Iscriviti
X