Crescono i furti in casa: quasi la metà degli italiani non si tutela

A
A
A
di Redazione 18 Novembre 2016 | 15:24

I dati che arrivano dall’undicesimo numero del Diario della transizione del Censis non sono confrortanti per la sicurezza degli italiani. È stato registrato infatti un aumento esponenziale dei furti in casa: negli ultimi dieci anni sono più che raddoppiati. Solo nel 2015 l’incremento è stato del 5,9%. Se ne calcolano 689 al giorno. E che quasi la metà però non si tutela a sufficienza contro questa evenienza.

I dati dell’ultima ricerca condotta dall’Osservatorio di Sara Assicurazioni dicono che quasi un italiano su due teme un’intrusione nella propria abitazione durante la notte, che possa provocare un furto (48%) o peggio un’aggressione (51%). La minaccia che gli italiani temono di più a seguito di un’intrusione in casa è soprattutto il rischio di subire un’aggressione (65%), ci sono poi la perdita di beni affettivi (42%) e il danno economico per la perdita di beni od oggetti preziosi (22%). In merito alla perdita di beni od oggetti, il furto di dispositivi tecnologici è il più temuto (52%), a seguire il furto di denaro (50%) e il furto di preziosi (36%).

Contro tali atti gli italiani si difendono principalmente rafforzando i dispositivi di sicurezza di porte e finestre (27%), poi installando impianti d’allarme (22%) e solo nel 5% dei casi con i propri mezzi. Sono ancora pochi coloro che decidono di stipulare una polizza che risarcisca i danni subiti (11%). Il 9%, infine, decide di affidarsi alla guardia di un cane. Il dato che però sorprende è che, nonostante il pericolo percepito, quasi un italiano su due (46%) ammette di non aver provveduto ad adottare alcun metodo per proteggere la propria casa.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Credem, un nuovo modello per la consulenza assicurativa

Assicurazioni, futuro da 10mld

Reti e assicurazioni, attrazione fatale

NEWSLETTER
Iscriviti
X