Le pensioni medie aumentano di 283 euro

A
A
A
di Redazione 15 Dicembre 2016 | 16:04

Secondo quanto emerge dallo studio “Condizioni di vita dei pensionati”, pubblicato dall’Istat, il reddito medio dei 16,2 milioni di pensionati italiani nel 2015 è aumentato di 283 euro, arrivando a 17.323 euro, ma i nuovi assegni sono mediamente più bassi rispetto a quelli “cessati” (15.197 contro 16.015 euro, con una differenza di 818 euro).

L’assegno pensionistico “attenua il rischio di disagio economico, fornendo un’importante rete di protezione sociale”, osserva l’Istat. In particolare è importante la presenza di un pensionato nelle famiglie “vulnerabili”, come quelle di genitori soli. Il fatto che le famiglie con pensionati siano in media meno povere con significa che non ci siano pensionati con consistenti difficoltà economiche. Infatti il rischio di povertà è in media più elevato tra i pensionati che vivono da soli o peggio ancora quando il loro assegno serve a mantenere altri adulti disoccupati che vivono in famiglia. E non significa neanche che il reddito medio delle famiglie con pensionati sia superiore a quello delle altre: in effetti è di 28.410 euro annui, inferiore di circa 2.000 euro a quello delle famiglie senza pensionati.

Tra il 2014 e il 2015 il numero dei pensionati è calato di 80.000 unità, dal momento che i nuovi sono di numero inferiore rispetto a quelli scomparsi. Il calo più marcato, oltre il 12%, si osserva per le pensioni di guerra. Sono però in aumento le pensioni sociali e quelle d’invalidità civile, che hanno ancora una distribuzione molto sproporzionata tra le aree del Paese. “Le pensioni di vecchiaia – spiega l’Istat – rappresentano il 59% del totale delle pensioni erogate al Nord e solo il 40,3% di quelle del Sud. Per le pensioni di invalidità totali l’incidenza al Mezzogiorno è invece circa il doppio di quella rilevata nelle regioni del Nord: 8,3% contro 3,8% per le pensioni di invalidità ordinaria; 20,3% contro 10,7% per quelle di invalidità civile”.

Il titolo di studio infine incide moltissimo sull’assegno dei pensionati: se sono laureati, guadagnano circa 2.660 euro mensili, oltre il doppio rispetto a chi non ha alcun titolo di studio o è arrivato al massimo fino alla quinta elementare.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X