Dichiarazione 730, è online il modello definitivo. Ecco le istruzioni per l’uso

A
A
A
di Redazione 19 Gennaio 2017 | 15:47

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate è stato pubblicato il modello definitivo del 730/2017 da utilizzare per la dichiarazione dei redditi relativa allo scorso anno. Disponibili anche le relative istruzioni per la compilazione, mentre, come ricorda Idealista.it, ecco le novità riguardano scadenze e detrazioni previste.

Modello 730/2017 le scadenze
La principale novità riguarda la scadenza. Per i contribuenti che presenteranno la dichiarazione con modello 730/2017 in forma autonoma tramite i servizi online dell’Agenzia delle Entrate, infatti, la scadenza è stata prorogata fino al 23 luglio 2017. Mentre chi farà ricorso ai Caf e commercialisti intermediari dovrà presentare il modello entro il 7 luglio, anche se in alcuni casi sarà possibile posticipare la scadenza.

Tra le novità del modello di quest’anno ricordiamo

1. Detrazioni per la casa
Premi di produttività 2017 – Si tratta di una delle novità inserite nella legge di stabilità 2017 e che riguarda il bonus erogato ai lavoratori a titolo premi di produttività sul quale si applica un’aliquota agevolata del 10% per un importo massimo di 2500 euro. Esenzione totale nel caso di si tratti di welfare aziendale.
2. School bonus- si tratta di un credito d’imposta del 65% per le elargizioni liberali effettuate nei confronti degli istituti nazionali entro il limite massimo di 100mila euro ed effettuata nel corso del 2016.
3. Legge “Dopo di noi” – importo massimo di 750 euro da portare in detrazione per le assicurazioni sulla vita finalizzate a coprire il rischio di morte e tutelare le persone con disabilità. È inoltre possibile usufruire della deduzione al 20% per le donazioni a trust o fondi di beneficienza per disabili ma entro il tetto di 100mila euro annui.

Dichiarazione redditi 2016 istruzioni
Le istruzioni illustrano le nuove detrazioni e i nuovi tempi relativi alle dichiarazioni integrative a favore del contribuente. I termini per la dichiarazione integrativa vengono posticipati entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione dei redditi del modello 2017.

Novità anche per quanto riguarda la richiesta dei rimborsi per i contribuenti che vantano un credito fiscale: non ci sarà accertamento preventivo per le somme erogate direttamente dal datore di lavoro, mentre per le richieste di rimborso maturato con modello 730/2017 da parte di intermediari abilitati che utilizzeranno la presentazione in modalità cartacea sarà avviato un controllo preventivo in caso di credito maggiore di 4000 euro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X