Occhio ai tassi di usura: quando è possibile denunciare la banca

A
A
A
di Redazione 6 Febbraio 2017 | 15:56

L’usura è un reato ma spesso il cittadino pensa che quando ad applicare tassi usurari sia una banca non ci sia modo di porre rimedio all’illecito. Ma, come ricorda InvestireOggi.it, i tassi di usura applicati su mutui o finanziamenti sono responsabilità della banca e, quindi, di conseguenza anche del Presidente del Consiglio di amministrazione dell’istituto di credito in questione.

Lo chiarisce una recente sentenza della Corte di Cassazione, la numero  4961 del 2 febbraio 2017. Un uomo che aveva contratto un mutuo si è accorto che il debito continuava a crescere esponenzialmente e per questo motivo ha denunciato per tassi usurari il direttore della sua filiale. Il tribunale, però, ha dichiarato il non luogo a procedere nei confronti del direttore di banca e così anche la Corte di Cassazione. L’errore del cliente, in questo caso, è stato quello di citare in giudizio il direttore della banca e non il presidente del Consiglio di Amministrazione dell’istituto. Per attribuire una responsabilità penale di un illecito bisogna individuare uno specifico soggetto responsabile. Nel caso delle banche, però, questo soggetto non è individuabile nel direttore della filiale ma nel presidente del CdA poichè organo di vertice che ha il dovere di informarsi sulla normativa vigente in ambito di tassi di interesse.

Lo statuto della banca, infatti, attribuisce al presidente del CdA moltissimi poteri in materia di erogazione dei crediti ai clienti e questa personalità rivesti una posizione che deve anche tutelare i clienti che stipulano mutui e finanziamenti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X