Evasione fiscale: anche un semplice post-it ti può fregare

A
A
A
di Redazione 10 Marzo 2017 | 09:40

Secondo una recente sentenza sul tema (numero 2886 del 3 febbraio 2017), tutta la contabilità informale può costituire un indizio grave di evasione fiscale, se da essa traspaiono incongruenze con i dati ufficiali. Insomma qualsiasi appunto privato, anche a note lasciate su post-it, quaderni di appunti, block notes, matrici di assegni, estratti di conti correnti bancari e agende personali possono essere usati tutti come indizi gravi ai sensi dell’art. 54, DPR n. 633 del 1972 e quindi sulla base del metodo di indagine induttivo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Paradisi fiscali, l’attacco frontale di Bruxelles

Ubs pagherà 111,5 milioni di Euro al Fisco per evasione fiscale

Tassa & vinci, la nuova “arma letale” contro l’evasione

NEWSLETTER
Iscriviti
X