Telefonia, abolite le tariffe a 28 giorni su rete fissa

A
A
A
di Redazione 27 Marzo 2017 | 09:03

L’Agcom, l’Autorità garante delle comunicazioni, va contro le compagnie telefoniche e abolisce quelle a 28 giorni su rete fissa, telefono, Adsl o fibra ottica, imponendo che i canoni debbano essere solo mensili. Vodafone e Wind dovranno quindi cambiare le proprie offerte anche per gli utenti già attivi. Fastweb e Tim dovranno bloccare il passaggio annunciato (ma ancora non attivo) a offerte a 28 giorni. Gli operatori avranno 90 giorni per adeguarsi.

Tutti gli operatori, su fisso e mobile, sono passati o stavano passando, infatti, a questo tipo di tariffazione, che fa scattare l’addebito ogni quattro settimane invece che ogni mese. Con un rincaro dell’8,6 per cento dei prezzi e un rischio – questa la motivazione dell’Autorità – di una ridotta trasparenza tariffaria per gli utenti. Agcom invece impone su cellulare che le tariffe siano solo al minimo a 28 giorni, ma gli operatori devono avvisare gli utenti via sms dell’avvenuto addebito (appunto, per migliorarne la trasparenza). In caso di offerte ibride (fisse-mobili), vale invece il principio della tariffazione mensile. L’impatto maggiore ci sarà quindi sugli utenti Vodafone e Wind, che per primi avevano adottato questa tariffazione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Adsl conveniente? Ecco le tariffe migliori di giugno

Le 5 migliori offerte Adsl del mese

Adsl: il 77% spende meno di 30 euro, ma si cambia spesso operatore

NEWSLETTER
Iscriviti
X