Conto corrente, le 7 regole per pagare meno spese

A
A
A
di Redazione 4 Aprile 2017 | 09:29

Secondo alcune associazioni dei consumatori, in media un conto corrente costa quasi 150 euro l’anno. Un po’ meno quello on line pari a poco più di 100 euro. Ogni conto ha canoni fissi, che bisogna sostenere per tenere in vita il conto, e quelli variabili che dipendono dal numero di operazioni che effettuiamo: dal canone alle commissioni per le operazioni, alle comunicazioni. È bene, quindi, come riporta AdnKronos, tenere a mente 7 regole per limitare al massimo le spese:

1. Non prelevate con il bancomat da un’altra banca. Può arrivare anche a costare 2 euro

2. Evitate di fare i bonifici in banca

3. Non andate in rosso senza fido e non uscite dal fido. La Commissione d’istruttoria veloce (Civ) si applica in caso di sconfinamento sul conto corrente o a valere su carte di credito. Serve a sostenere una serie di attività interne, dette appunto di ‘istruttoria’, ad esempio accesso alle banche dati o ricerche sul cliente, che vengono retribuite con l’addebito della Civ. Costa in media 50 euro e scatta ogni volta che si sconfina di 500 euro o di una cifra più bassa ma per sette giorni di seguito

4. Non ritirate i contanti allo sportello

5. Basta una carta di credito, non di più

6. L’home banking non sempre è gratis, non datelo per scontato soprattutto per quanto riguarda i bonifici

7. Conoscere le spese serve perché si può sempre contrattare con la banca che non vuole certo perdere un cliente

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Risparmi, confiscabile il conto su cui si ha delega

Conto corrente, tutte le voci di costo da tenere d’occhio

Conto corrente, le banche alzano sempre più i costi

NEWSLETTER
Iscriviti
X