Meglio il Btp o il Buono Fruttifero Postale? Ecco un confronto

A
A
A
di Redazione 14 Giugno 2017 | 12:20

Sembra che l’amato titolo di stato italiano non sia più molto appetibile per i piccoli risparmiatori che, non essendo avvezzi all’investimento rischioso, cercano un’alternativa che possa garantire un rendimento certo, seppur minimo.

Una di queste alternative, come riporta InvestireOggi.it, è il Buono Fruttifero Postale a 3 anni Plus, collocato da cassa Depositi e Prestiti (CDP) e distribuito da Poste Italiane, garantisce a scadenza un rendimento del 0,70% lordo. I vantaggi? Non sono richieste commissioni o costi di sottoscrizione e possono essere disinvestiti in qualsiasi momento. Se lo si fa prima della scadenza dei 3 anni, però, si perdono gli interessi poiché – come stabilito dal prospetto informativo – questi vengono erogati in unica soluzione solo se il sottoscrittore mantiene l’investimento bloccato fino a scadenza. Diversamente, se il periodo d’investimento venisse interrotto prima, si perderebbero gli interessi, ma il capitale resterebbe preservato.

In questo momento il BTP a 3 anni offre un rendimento lordo annuo pari a 0,15%. Al termine dei tre anni, cioè da qui al 2020 ad esempio, il risparmiatore otterrebbe un rendimento complessivo pari a 0,45% lordo. Insomma meno conveniente del Buon Fruttifero anche se il BTP è soggetto alle oscillazioni del mercato e sensibile alle variazioni dell’inflazione, per cui potrebbe alla fine rendere anche di più oppure di meno.

Infine, uno svantaggio ulteriore per l’investimento in Btp sono le commissioni. A parità di regime fiscale (12,50% per entrambi i titoli), ci sono i costi di intermediazione bancaria e di custodia che penalizzano l’investimento del BTP rispetto a quello del BFP. Le banche, infatti, pretendono commissioni per l’acquisto a mercato dei titoli di stato, mentre le Poste offrono la sottoscrizione completamente gratuita.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, ecco perchè i Btp sono irresistibili

Bot People, la disfatta della superstar degli anni ’90

Investimenti, Btp e Bund: prospettive tra aumento dello spread e rendimenti in salita

NEWSLETTER
Iscriviti
X