Hai appena acquistato una seconda casa? Ecco cosa devi pagare

A
A
A
di Redazione 24 Agosto 2017 | 08:10

Chi acquista una casa è tenuto a versare determinate imposte. Di norma, è necessario pagare l’Iva e (a seconda dei casi) l’imposta di registro oltre all’imposta ipotecaria e catastale. Il sito La Legge Per Tutti ricorda cosa accade nel caso di acquisto ella seconda abitazione.

1. se il venditore è un privato, oppure un’impresa di costruzione o ristrutturazione che vende oltre il termine di cinque anni dal termine dei lavori e non opta per l’applicazione dell’Iva nell’atto di vendita o un’impresa “non costruttrice” che non ha eseguito lavori di restauro, risanamento o ristrutturazione, è dovuta l’imposta di registro al 9% (non si applica l’Iva), l’imposta ipotecaria nella misura fissa di 50,00 euro e l’imposta catastale nella misura fissa di 50,00 euro;
2. se invece il venditore è un’impresa di costruzione o di ristrutturazione che vende entro i cinque anni dal termine dei lavori oppure un’impresa di costruzione o ristrutturazione che vende oltre i cinque anni dalla fine dei lavori ma non opta, nell’atto di vendita, per l’applicazione dell’Iva, l’acquirente sarà tenuto a versare l’Iva con aliquota al 10% (al 22% nel caso in cui oggetto di compravendita siano immobili classificati nelle categorie A/1, A/8 e A/9) oltre all’imposta di registro, quella ipotecaria e quella catastale nella misura fissa di 200,00 euro ciascuna.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

I 10 errori da non fare quando si compra una seconda casa

Quanti stipendi ci vogliono per comprare casa?

Comprare casa nei borghi più belli d’Italia? Può costare più del doppio rispetto al prezzo medio nazionale

NEWSLETTER
Iscriviti
X