Mifid 2 è legge: più trasparenza su costi e servizi bancari

A
A
A
di Redazione 28 Agosto 2017 | 08:34

La Mifid 2, insieme il regolamento Mifir, è legge. Tutto il documento in materia di mercati degli strumenti finanziari e le modifiche al Tuf testo unico della finanza, saranno comunque operative dal 3 gennaio prossimo. La Mifid 2 definisce i requisiti necessari alle imprese di investimento per operare nei mercati finanziari in base a una serie di elementi quali autorizzazione e condizioni di esercizio, mentre il regolamento Mifir disciplina, tra l’altro, i requisiti uniformi in relazione alla comunicazione al pubblico di dati sulle negoziazioni.

Ciò vuol dire maggior trasparenza delle negoziazioni ma soprattutto la tutela degli investitori, attraverso una maggiore responsabilizzazione degli intermediari, una più approfondita consapevolezza degli investitori. Vengono allargati gli obblighi di comunicazione alla clientela su costi e oneri connessi ai servizi di investimento o accessori, incluso il costo della consulenza (se rilevante), il costo dello strumento finanziario raccomandato o venduto al cliente e le modalità con cui il cliente può remunerare il servizio d’investimento.

Una serie misure puntano poi a ridurre il rischio che eventuali prodotti non siano adeguati al cliente finale. Aumentano così i poteri di vigilanza dei regolatori nazionali e Ue che potranno proibire o restringere la negoziazione e il collocamento di alcuni strumenti finanziari o depositi strutturati e le attività o pratiche finanziarie da loro ritenute riduttive della protezione degli investitori.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Revisione Mifid 2, la proposta di Ascofind

Mifid 2, meno burocrazia per gli intermediari. Entro luglio nuove potenziali novità anche per i cf

Rendiconti Mifid 2, ecco chi è Speedy Gonzales

NEWSLETTER
Iscriviti
X