Mps: bond subordinati convertiti in azioni, ristoro solo per il bond ‘Antonveneta’

A
A
A
di Marco Muffato 4 Settembre 2017 | 08:42

Domanda. Una mia cliente possiede il bond subordinato Mps Upper Tier 2 2008-2018 emesso per comprare Banca Antonveneta. L’investimento si è azzerato nonostante le continue rassicurazioni in agenzia. Le converrà accettare l’offerta di scambio in bond senior e togliersi per sempre il pensiero?
G.M., Padova

Risposta. Probabilmente sì ma prima di affermarlo occorrerà attendere l’emanazione dei dettagli riguardo l’offerta. Intanto va ricordato che mercoledi 28 luglio sono stati emanati i decreti del ministero dell’Economia e delle Finanze attuativi del Decreto Legge 237 del 2016 convertito nella Legge 15 del 17 febbraio scorso ‘Disposizioni urgenti per la tutela del risparmio nel settore creditizio’. Di conseguenza le obbligazioni subordinate di Banca Mps sono state immediatamente convertite in azioni ordinarie di nuova emissione, con i rapporti di conversione indicati all’articolo 23, comma 3, anche se il via libera definitivo – Sportello Advisorysebbene scontato – della Banca Centrale Europea è pervenuto soltanto il 10 agosto.
Il pubblico al dettaglio è in possesso delle emissioni Tier 2, tutte convertite al 100% senza distinguere tra le sei emissioni Lower Tier 2 e il più subordinato bond collocato al pubblico al dettaglio Upper Tier 2 2008-2018 a tasso variabile, codice IT0004352586 il cui incasso servì per pagare l’acquisizione di Banca Antonveneta.
Soltanto gli investitori professionali sono invece interessati dalla conversione del bond Tier 1 al 75% e quella con un rapporto di appena del 18% del titolo ‘Fresh’. Il concambio prevede ogni azione valorizzata 8,65 euro (6,49 euro invece quelle riservate al Ministero dell’Economia) con codice Isin è IT0005276768 che diventerà IT0005218752, ossia quello delle normali azioni Mps, quando sarà pubblicato il prospetto informativo per la quotazione.
Le azioni date in cambio al bond ‘Antonveneta’ hanno invece codice provvisorio IT0005276776 che diventa, in caso di trasferimento al di fuori della transazione (fatta eccezione per i trasferimenti mortis causa), codice Isin IT0005276768 oppure IT0005218752, a seconda se il trasferimento avverrà prima oppure dopo la pubblicazione del prospetto informativo.
La pubblicazione del prospetto informativo, con l’offerta di rimborso per il bond ‘Antonveneta’ e il ritorno alla quotazione di tutti gli strumenti finanziari emessi o garantiti da Banca Mps, è prevista per l’autunno. Sarà allora che emergerà il vero valore delle azioni, purtroppo molti concordano sul fatto che il prezzo di mercato sarà di molto inferiore, si stima anche la metà, rispetto al prezzo di conversione per i risparmiatori. Una via agevole di uscita c’è ma soltanto per una delle emissioni. L’articolo 19, comma 2, lettera a) del Decreto Legge prevede che il ristoro venga erogato ai soli titoli per la cui offerta sussisteva obbligo di pubblicare un prospetto. L’unica emissione dotata di un prospetto informativo in italiano approvato dalla Consob è quella 2008-2018 a tasso variabile di cui si è detto sopra.
Le modalità precise saranno comunicate in autunno. Sarà allora che gli interessati potranno scegliere se aderire all’offerta di ristoro, concambiando le azioni con obbligazioni senior del Mps, oppure agire per il risarcimento del danno. I possessori degli altri titoli possono valutare la possibilità di far causa visto che nel loro caso non è previsto alcunché.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti: ecco perchè mettere in portafoglio le obbligazioni high yield

Pronti, Recovery, via. Le nuove obbligazioni governative sotto la lente

Mercati, decennale Usa atteso sopra il 2%

NEWSLETTER
Iscriviti
X