Frodi creditizie in crescita, fate attenzione ai vostri dati personali

A
A
A
di Luca Spoldi 8 Gennaio 2018 | 12:24

Frodi creditizie in forte crescita

Altro che truffa dei Bitcoin: a rimanere uno dei bersagli preferiti dei truffatori è sempre l’assegno circolare. Come segnala anche TuttoSoldi (La Stampa), nel primo semestre dello scorso anno le frodi creditizie sono aumentate del 39,5%, con oltre 11 mila casi, pari ad una media di 60 episodi al giorno, per un danno stimato di 80 milioni di euro.

Assegni clonati o intercettati

Nel caso degli assegni circolari, in particolare, sono due gli espedienti maggiormente utilizzati dai truffatori. Nel primo caso si procede alla clonazione dell’assegno, che viene abilmente riprodotto e quindi incassato grazie a documenti falsi. Nel secondo caso si intercetta l’assegno autentico mentre è in viaggio via posta verso il suo destinatario.

Incasso avviene grazie a documenti falsi

Una volta intercettato l’assegno, solitamente spedito da enti come Inps ai beneficiari, il truffatore procede a incassare la cifra grazie a un documento falso. In questo caso, si noti, la vittima della frode è l’ente emittente l’assegno e non la banca o il beneficiario dello stesso. A facilitare questi “colpi” vi è una proliferazione dei furti di dati personali che rendono più agevole creare documenti falsi.

Non lasciate in giro i vostri dati personali

Così una fotocopia dei nostri documenti, necessaria per attivare un nuovo servizio, può essere rivenduta a un dipendente infedele e portare alla clonazione dei nostri documenti, oppure tramite internet è facile trovare profili dettagliati da riportare su carte di identità ancora in bianco acquistabili facilmente in rete o tramite circuiti criminali “tradizionali”. Per questo è sempre opportuno non rilasciare troppi dati personali e monitorare l’andamento delle spese sui nostri conti correnti, così da segnalare eventuali movimenti “anomali” e subire meno danni possibili.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Attenti agli assegni senza clausola di non trasferibilità

Clonazione assegni, è sufficiente una foto per finire nei guai

Il reato bancario di opinione secondo Natalino Balasso

NEWSLETTER
Iscriviti
X