Criptovalute, con settembre il mercato riuscirà a recuperare terreno?

A
A
A
di Luca Spoldi 27 Agosto 2018 | 12:28

Capitalizzazione criptovalute a 200 miliardi di dollari

Agosto sta per finire e con esso la pausa estiva che ha tenuto i trader lontani anche dai mercati delle critpovalute. La capitalizzazione complessiva delle criptovalute è scesa ormai attorno ai 200 miliardi di dollari, cifra su cui si mantiene stabile da prima di ferragosto dopo una continua discesa dai massimi storici toccati il 7 gennaio scorso a quasi 828,5 miliardi. Resta da vedere se ora gli scambi e la capitalizzazione ripartiranno e quali criptovalute ne trarranno eventualmente beneficio.

Bitcoin rappresentano il 53,3% del totale

Di questi 200 miliardi al momento il 53,3% è rappresentato dalla capitalizzazione del Bitcoin, una percentuale che era scesa ad un minimo attorno al 33% proprio a inizio anno, mentre la percentuale di capitalizzazione rappresentata dal Ethereum, la seconda più importante criptovaluta al mondo, è nuovamente scivolata sotto il 13% (aveva raggiungo il 31,5% agli inizi del 2017).

Una manciata di criptovalute rilevanti

Ancora inferiore il peso delle altre criptovalute, con solo il Ripple (circa il 6%), il Bitcoin Cash (poco più del 4%) e il Litecoin (poco meno del 2%) che rappresentano ciascuno oltre l’1% della capitalizzazione mondiale, mentre delle altre 1890 criptovalute monitorate da CoinMarketCap oscilla tra lo 0,5% e l’1% e tutte le altre pesano l’equivalente di pochi centesimi di punto percentuale, a conferma di come il mercato sia esploso come numero di proposte ma resti sostanzialmente concentrato su pochissime criptovalute.

Cftc fa chiudere trader di criptovalute

Del resto le notizie che continuano a pervenire di truffe e furti ai danni degli investitori non sembrano autorizzare un facile ottimismo circa la possibile crescita del numero di criptovalute (e mercati) con scambi consistenti: ancora il 24 agosto scorso la statunitense Commodities Futures Trading Commission (Cftc) ha ottenuto, tramite decreto ingiuntivo, il blocco definitivo del gestore CabbageTech di New York per “frode sfacciata e pericolosa correlata alle criptovalute”.

Ancora troppe truffe pesano sul mercato

Lo stop segue la denuncia di Patrick McDonnell, promotore e operatore della stessa CabbageTech, per “frode e appropriazione indebita correlate ad acquisti e trading di Bitcoin e Litecoin”. McDonnell non è nuovo alla giustizia Usa, essendo già stato coinvolto in un’inchiesata su un’altra sua società, Coin Drop Markets, accusata di aver incassato i soldi dei clienti senza erogare i servizi di consulenza richiesti, per poi chiudere il proprio sito web ed interrompere ogni comunicazione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Criptovalute, Bitcoin: ecco chi è l’utente tipo

Etf, Bitcoin: richiesta di quotazione alla Sec anche per Global X

Etf, da Viridi Funds un prodotto sul mining verde di Bitcoin

NEWSLETTER
Iscriviti
X