Ubi Banca, oltre un miliardo di social bond

Ubi Banca sottotono in borsa

Ubi Banca sottotono a Piazza Affari dopo i recuperi delle ultime sedute. A metà seduta il titolo passa di mano a 2,864 euro (-1,45%), circa il 28% in meno rispetto ai livelli di 12 mesi or sono. Con una nota l’istituto ha segnalato di aver collocato oltre 1 miliardo di euro tramite social bond, il prestito obbligazionario solidale che dal 2012 ha arricchito l’offerta commerciale del gruppo avendo introdotto un approccio specifico legato al terzo settore e all’economia civile.

Collocato oltre 1 miliardo di euro di social bond

I social bond, ricorda la nota, sono prestiti obbligazionari che offrono al sottoscrittore l’opportunità di ottenere un ritorno sull’investimento paragonabile a quanto offerto dalla banca su investimenti analoghi e, al tempo stesso, contribuire al sostegno di iniziative di rilevante valenza sociale. Al termine del collocamento Ubi Banca devolve infatti una quota predefinita dell’importo raccolto a supporto di tali progetti, per lo più promossi da organizzazioni non profit, oppure destina l’ammontare collocato all’erogazione di finanziamenti a condizioni competitive per contribuire allo sviluppo sul territorio di iniziative di imprenditorialità sociale.

91 progetti a impatto sociale sostenuti

“Sono 91 i progetti ad impatto sociale che abbiamo sostenuto con i social bond e sono oltre 100.000 i beneficiari diretti dei progetti stessi” ricorda Letizia Brichetto Arnaboldi Moratti, ex sindaco di Milano e presidente del Consiglio di gestione di Ubi Banca. In particolare, “la raccolta ha consentito erogazioni liberali per quasi 5 milioni di euro e lo stanziamento di plafond per finanziamenti destinati alle imprese sociali a condizioni agevolate che superano i 21 milioni”. Tutto questo è stato possibile anche grazie agli oltre 36.000 clienti della banca che li hanno sottoscritti.

I social bond Ubi Comunità

I contributi devoluti a titolo di liberalità hanno permesso di supportare 48 istituzioni operanti nei settori dell’assistenza e solidarietà, 28 enti operanti nel campo delle infrastrutture e servizi di pubblica utilità, 12 università o centri di ricerca, e tre operatori per lo sviluppo economico-territoriale. Le organizzazioni che possono beneficiarie dei social bond Ubi Comunità sono realtà significative nei propri territori di riferimento, con una buona capacità di mobilitazione degli stakeholder delle comunità locali di riferimento, e si distinguono per efficienza gestionale e impatto sociale prodotto.

Due differenti tipologie di social bond

Gli obiettivi sociali perseguiti tramite social bond sono declinabili in funzione delle due differenti tipologie: i social bond grant based prevedono la devoluzione, a titolo di liberalità ad associazioni, fondazioni, università, ospedali o altre realtà a valenza sociale, di una quota predefinita dell’ammontare ricavato dai titoli collocati attraverso i prestiti obbligazionari. I prestiti obbligazionari che prevedono l’utilizzo dell’ammontare collocato per l’erogazione di finanziamenti (“loan based”) contribuiscono allo sviluppo di forme di imprenditorialità sociale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!