Private Equity in Asia, tanti soldi ma meno occasioni

A
A
A
Andrea Telara di Andrea Telara21 aprile 2017 | 07:50

Secondo un report pubblicato dai Bain&Co., i fondi di private Equity nell’area dell’Asia Pacifico hanno ben 136 miliardi di dollari di disponibilità liquide ma incontrano non poche difficoltà nel trovare investimenti realmente attraenti, a causa delle valutazioni un po’ troppo tirate di diverse aziende. Nel 2016, per Bain&Co. le operazioni effettuate dal private equity nella regione dell’Asia-Pacifico hanno raggiunto il valore di 92 miliardi di dollari nel 2016, in calo di circa il 25% rispetto ai 124 miliardi del 2015. Nel 2016 si è registrato comunque il livello più alto di sempre per gli investimenti asiatici del private equity che, sempre secondo Bain&Co., rimarranno alti anche anche nel 2017, soprattutto nel settore dei beni di consumo che beneficia della crescita della classe media in quest’area geografica.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pictet AM, un anno più robusto per i mercati emergenti

Generali cerca un accordo in Asia

Franklin Templeton e il fascino asiatico

Ti può anche interessare

I paperoni preferiscono il cash

Mentre il governo si prepara a una stretta sull’uso del contante in ottica anti evasione, i d ...

Arca, focus sul private banking

I detentori di grandi patrimoni sono tra i target principali di Arca. Ne parla in un’intervist ...

Bancari, diritto alla disconnessione

Più opportunità per comunicare e lavorare in maniera flessibile, ma anche il rischio di restare in ...