Hedge fund, se il 2 per 20 va stretto

A
A
A
Andrea Telara di Andrea Telara6 giugno 2017 | 14:36

Gli addetti ai lavori lo chiamano 2 and 20 ed è il modello standard con cui vengono applicate le commissioni sugli hedge fund. C’è una fee di gestione del 2%, a cui si aggiunge un’altra commissione di performance pari al 20%, che grava sulla parte di rendimenti superiori a un determinato livello. Tale sistema di pricing, che da decenni è una costante nell’industria dei fondi hedge, viene oggi messo in discussione da un’importante lobby. Si tratta della Alignment of Interests Association (Aoi) che rappresenta diversi fondi pensione, family office e fondazioni (tradizionali clienti degli hedge fund). L’Aoi mette in evidenza come l’incidenza non trascurabile delle commissioni di gestione assicuri agli hedge fund lauti guadagni senza responsabilizzarli dal punto di vista delle performance. Di conseguenza, la Alignment of Interests Association propone una struttura di commissioni di gestione regressiva, con le fee che scendono man mano che il patrimonio dell’hedge fund supera certe soglie.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Bonomi punta sul cacao

La Investindustrial di Andrea Bonomi sarebbe a un passo dall’acquisto di Nutkao, attiva nella ...

Fideuram Ispb, l’utile vola a 879 milioni

Il 2017 va in archivio con numeri in forte crescita per la divisione private banking del gruppo Inte ...

Banca Finnat punta sul private

Nel nuovo piano industriale di gruppo 2018-2020, approvato oggi dal cda, in particolare si prevede u ...