Cybersecurity, Family Office sotto attacco

A
A
A
Andrea Telara di Andrea Telara1 giugno 2017 | 13:13

Non solo banche o istituzioni pubbliche. Per i pirati informatici c’è un nuovo bersaglio: i Family Office che gestiscono il 50% della ricchezza degli investitori di fascia altissima, quelli classificati come UHNWI (Ultra high net worth individuals). A rivelarlo è un’analisi effettuata da Citi Private Bank, che cita i dati della società di ricerca Campden Wealth. Secondo un sondaggio, ben il 15% dei Family Office di tutto il mondo ha subito almeno un cyberattacco con un danno economico medio generalmente inferiore a 50mila dollari. In un caso, però, il costo provocato dall’attacco informatico è stato superiore addirittura ai 10 milioni di dollari. Per questo, secondo Citi Prvate Bank, i Family Office devono investire nella cybersecurity, proteggendo i propri dati, stipulando coperture assicurative ad hoc e mettendo in pratica opportuni protocolli.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

I costi (altissimi) dei cyber-rischi

Startupbootcamp è alla ricerca di nuove startup FinTech

Banche, addio password. Arriva il riconoscimento biometrico

Ti può anche interessare

Efg completa l’acquisizione di Bsi

Efg International ha completato l’acquisizione di Bsi. Dopo aver inglobato le filiali di Zurig ...

Banca Profilo, vertici confermati

Giacomo Garbuglia ricoprirà ancora il ruolo di vicepresidente e Fabio Candeli quello di amministrat ...

Private banking in Svizzera, l’ancora di salvezza del fintech

Possono il fintech e la robo advisory salvare gli operatori svizzeri del private banking. Se lo chie ...