Paperoni con gli occhi a mandorla

A
A
A

Secondo una ricerca sono ormai 22 le banche cinesi che hanno un servizio di wealth management di fascia alta. Tre hanno asset sopra i mille miliardi di yuan

Private di Private12 giugno 2017 | 13:43

Il secondo mercato mondiale del private banking. Così la rivista finanziaria Investor Journal definisce la Cina, citando i dati della società di ricerca PY Standard. Sono ormai 22 i gruppi bancari che nella Repubblica Popolare che, alla fine del 2016, avevano un servizio di wealth managemnt per clienti di alto profilo. Ben tre gruppi finanziari detenevano asset under management (Aum) superiori al trilione di yuan. Si tratta di China Merchants Bank (1.600 miliardi di yuan), Industrial and Commercial Bank of China (1.200 miliardi yuan) e Bank of China (1.000 miliardi).


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bank of China: sei mesi in crescita, ma sotto le attese

Bank of China, 3 milioni sopra il consensus

Rbs pronta a vendere le azioni di Bank of China

Ti può anche interessare

Verso il paperless banking

In questa nuova tappa del viaggio di approfondimento sul futuro del banking in cui ci accompagna Ali ...

La banca del principe sbarca in Italia

Lgt Bank,  con un secolo di storia appartenente alla famiglia reale del Liechtenstein, sbarca in It ...

La Svizzera non passa di moda

UBS e Citadel rafforzano la loro presenza nei Cantoni. Smentiti i timori di declino alla luce della ...