Gran Bretagna, wealth manager sotto accusa

A
A
A

La boutique finanziaria di Gina Miller, grande attivista anti-Brexit, ha realizzato uno studio sui costi eccessivi delle gestioni patrimoniali

Private di Private27 giugno 2017 | 14:59

Tassi di rendimento e aspettative di performance gonfiate. E’ dura l’accusa che la boutique finanziaria SCM Direct, fondata da Gina Miller e suo marito Alan, rivolge a 31 gestori di patrimoni britannici che amministrano 440 miliardi di sterline. I risultati dello studio, secondo quanto riporta il Financial Times, sono impietosi poiché SCM Direct imputa ai wealth manager di avere quasi sempre delle condizioni tariffarie poco trasparenti. Gina Miller è salita agli onori delle cronache ultimamente anche per la sua battaglia anti-Brexit, avendo presentato un esposto all’Alta Corte britannica per fermare la fuoriuscita di Londra dall’Ue.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Cornèr Banca: un 2017 in chiaroscuro

Cornèr Banca ha chiuso l’esercizio 2017 con ricavi per 417 milioni di franchi, in flessione d ...

Shopping elvetico per Banca Profilo

Firmato e perfezionato il contratto di acquisizione da parte di Banque Profil de Gestion, controllat ...

Occhio alla bolla del private equity

La raccolta del private equity corre in maniera ininterrotta da cinque anni e mezzo e i multipli del ...