Gran Bretagna, wealth manager sotto accusa

A
A
A
di Private 27 Giugno 2017 | 14:59
La boutique finanziaria di Gina Miller, grande attivista anti-Brexit, ha realizzato uno studio sui costi eccessivi delle gestioni patrimoniali

Tassi di rendimento e aspettative di performance gonfiate. E’ dura l’accusa che la boutique finanziaria SCM Direct, fondata da Gina Miller e suo marito Alan, rivolge a 31 gestori di patrimoni britannici che amministrano 440 miliardi di sterline. I risultati dello studio, secondo quanto riporta il Financial Times, sono impietosi poiché SCM Direct imputa ai wealth manager di avere quasi sempre delle condizioni tariffarie poco trasparenti. Gina Miller è salita agli onori delle cronache ultimamente anche per la sua battaglia anti-Brexit, avendo presentato un esposto all’Alta Corte britannica per fermare la fuoriuscita di Londra dall’Ue.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X