Banca Albertini Syz in difesa

A
A
A
di Andrea Giacobino 4 Luglio 2017 | 07:32
Bilancio in difesa per Banca Albertini Syz che si appresta ad un cambio di azionariato.

Alberto AlbertiniQualche settimana fa, infatti, l’assemblea dei soci della storica private bank italo-svizzera controllata al 65% da Financiere Syz e per il restante 35% da Alberto Albertini (nella foto), ha destinato ai soci 700mila euro di cedola complessiva sugli 1,4 milioni di utile segnato lo scorso anno, in calo dai quasi 3 milioni dell’esercizio precedente che erano andati interamente a dividendo.

Il risultato, cristallizzato nelle commissioni nette diminuite da 19,1 a 14,8 milioni, si deve all’uscita di alcuni private bankers sostituiti a inizio di quest’anno con l’ingresso di un nuovo team che sta già ottenendo buoni risultati. Nel 2016 è proseguito lo sviluppo dell’attività di advisory remunerata che è arrivata a coprire il 53% del totale delle masse gestite rispetto al 45% di un anno prima.

La fuoriuscita del team di bankers s’è riflessa anche nel calo degli asset under management anno su anno da 2,8 a 2,7 miliardi (di cui 1,6 miliardi gestiti e i restanti amministrati) e in una diminuzione del numero totale di clienti da oltre millenovecento a poco più di milleottocento. Le masse in advisory e in delega relative a clientela istituzionale sono passate da 621 a 111 milioni per effetto della cessazione della delega conferita da Syz Asset Management relativa al comparto Oyster European Corporate Bond.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X