Private equity a gonfie vele

A
A
A
Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio 5 Luglio 2017 | 06:48

 

Se le principali asset class finanziarie vivono una fase di incertezza, lo stesso non vale per  il private equity, che nel corso del 2016 ha generato ritorni medi del 10,36%, migliorando di circa 350 punti base la performance rispetto all’anno precedente.  Il dato emerge dall’indice GX Private Equity di State Street, calcolato sulla base dei flussi di cassa dei sottoscrittori dei fondi. Il rendimento più consistente è stato registrato dai veicoli specializzati nel buyout (le operazioni finalizzate all’acquisto del controllo di una società) con il 12,52% annuo, mentre gli investimenti sul debito hanno reso il 10,39%.

Ha faticato invece il venture capital con ritorni al 2,84%. “I mercati quotati continuano a mostrare segni di forza con valutazioni a livelli sani – ha commentato Will Kinlaw, senior managing director e global head di State Street Associates, divisione di State Street Global Exchange – Nei mercati ‘private’ abbiamo notato una accresciuta attivita’ di disinvestimento negli ultimi anni in quanto i manager hanno colto l’opportunita’ di uscire dai loro investimenti. Piu’ di recente comunque la ‘chiamata’ di capitale ha rallentato. L’evidenza suggerisce che i general partners stanno assumendo un approccio cauto nell’identificare opportunita’ che forniscano ritorni superiori a valutazioni accettabili”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Amundi Pef, ecco un nuovo fondo sulle infrastrutture

Ciambella di salvataggio dal private equity

Investimenti, i tre driver che guideranno la crescita del private equity europeo

NEWSLETTER
Iscriviti
X