Il wealth management spinge i conti di Mediobanca

A
A
A
Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio4 agosto 2017 | 07:15

Il wealth management risulta determinante sui principali indicatori del bilancio 2016/17 di Mediobanca.  Piazzetta Cuccia ha chiuso il periodo dal 1° luglio 2016 al 30 giugno 2017 con un aumento dell’utile netto nell’ordine del 24%, a quota 750 milioni di euro, mentre il risultato operativo è balzato del 16% a 855 milioni.

Le commissioni nette salgono del 16% (a 523 milioni) per il maggior apporto del Wealth Management (+51% a 203 milioni). A fine esercizio, il totale delle attività finanziarie gestite da questa divisione si attesta a 60 miliardi di euro (+43%), i ricavi a 460 milioni (+38% nel confronto annuo) e l’utile netto a 55 milioni (+45%).

Le masse gestite dal wealth management, inclusa la raccolta retail, aumentano da 42,2 a 59,9 miliardi (Banca Esperia al 100%); gli attivi gestiti/amministrati ammontano a 30 miliardi, di cui 22,9 miliardi riconducibili al private banking e 7,1 miliardi alla componente affluent & premier di CheBanca!.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Un anno in crescita per Lombard Odier

Ubi Banca, sale l’utile

Manovra, è arrivata la bocciatura dall’Europa

Ti può anche interessare

Intesa Sanpaolo, wealth management all’ombra del dragone

Grazie all’ottenimento da parte delle Autorità Locali della Fund Distribution License, Intesa San ...

Pinault, un impero in passerella

Quando si pensa all’industria del lusso non si può fare a meno di parlare di Kering, conglomerato ...

Si avvicinano i PRIVATE Awards: i finalisti (primo blocco)

Novità e conferme. È partito il conto alla rovescia verso i PRIVATE Banking Awards 2019, evento pr ...