Wealth management, così i big del settore tagliano i costi

A
A
A

Secondo un’analisi del Financial Times, sempre più banche e operatori esternalizzano alcune funzioni per ridurre le spese operative.

Private di Private4 settembre 2017 | 09:53

Una parola d’ordine: esternalizzare le funzioni, soprattutto quelle di back-office. È la strategia seguita dagli operatori del private banking e wealth management per tagliare i costi operativi e fronteggiare gli oneri crescenti legati all’arrivo di una regolamentazione sempre più stringente. A metterlo in evidenza è un’analisi pubblicata oggi sul sito del Financial Times.

Il quotidiano britannico rivela per esempio che SEI Wealth Platform, un fornitore di soluzioni gestionali per il settore finanziario, è in trattative con ben 16 private bank britanniche ed europee per gestire in outsourcing (cioè dall’esterno) alcune loro funzioni di back office.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Morningstar diventa anche gestore

Banche, in Europa fusioni all’orizzonte

Amundi, il mercato italiano affossa il titolo

Ti può anche interessare

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Parteciperà alla decima edizione di Forum Banca, il 27 settembre a Milano. Un appuntamento per parl ...

I wealth manager e la sfida della financial data science

Nell’evento organizzato da GFT Italia e Virtual B, in evidenza il potenziale dei dati posseduti da ...

La nuova Clessidra si rimette in moto

Va in porto  il primo investimento di Clessidra sotto la gestione dell’azionista Italmobiliare, ...