Le donne d’oro delle grandi reti

A
A
A

In Italia le professioniste attive nel settore sono ancora poche, ma in media gestiscono portafogli più ricchi di quelli dei colleghi uomini e dispongono anche di una migliore capacità di relazione.

Chiara Merico di Chiara Merico30 ottobre 2017 | 09:41

POCHE MA RICCHE – Poche, ma con grandi portafogli: sono le donne private banker, alle quali Milano Finanza ha dedicato un ampio servizio. In Italia le professioniste attive nel settore sono ancora poche, ma in media gestiscono portafogli più ricchi di quelli dei colleghi uomini e dispongono anche di una migliore capacità di relazione, un asset intangibile ma dal grande valore, in particolare in vista dell’avvento della direttiva Mifid 2.

I NOMI DELLE DONNE TOP – Tutte le grandi reti vantano nel loro organico professioniste di alto livello. In Banca Fideuram le private banker con un portafoglio superiore ai 100 milioni di euro sono Caterina Bandoni, Nevia Salviato, Laura Corti e Antonella Lambri. Per il gruppo Azimut le prime cinque top banker sono Piera Di Pietro, Bruna Annibaldi, Graziella Antinucci, Vincenza Belfiore e Paola BifulcoBanca Mediolanum schiera Monica Lanzi, wealth advisor per la regione Lombardia che vanta 110 milioni di masse. Per Banca Generali i nomi delle donne top banker sono quelli di Annalisa Dall’Aglio, Margherita Masera e Stefania Lambri. Tra le professioniste più accreditate di Ubs Italia ci sono Luisella Rudi, Gabriella Delucchi e Susanna Romeo. Deutsche Bank schiera Paola Ponte e Monica Salsini, che operano nella divisione Private banking, mentre Roberta Canclini è attiva nel Wealth management, la struttura che si occupa dei clienti con disponibilità superiori ai 2 milioni di euro. Sono sei le consulenti della squadra in rosa di Banca Mps: si tratta di Lucia De Rosa, Roberta Massaiu, Gabriella Merolla, Simona Quilici, Elisabetta Scanferlato e Daniela Fradelloni. Nella boutique di Banca Leonardo, infine, le fuoriclasse del private banking sono Stefania Nava, Paola Samarati, Benedetta Michetti e Roberta Parodi.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

L’Africa è il nuovo Eldorado per il private banking

Il private banking guadagna spazio tra i canali distributivi

Banche europee, il rilancio passa dal private banking

Consulenti sveglia, i ricchi hanno voglia di investire

Banca del Fucino, pronti per il rilancio con Igea

Per le fiduciarie è l’ora del consolidamento

Il Private banking al fianco delle imprese

Banca Generali: il 10% del gestito sarà in fondi sostenibili

Investment bank, porte girevoli ai vertici

Wealth management: c’è spazio per chi innova

Private banking, prezzi troppo alti

Consulenza finanziaria: sub-advisory di qualità

Private banking: difendiamo i margini

Banca Finnat, colpo grosso per il private

In arrivo incentivi per gli Eltif

I paperoni scelgono la protezione

Anthilia Capital Partners, fiche da 5 milioni su Clevertech

Le sfide del 2019

Hanno ucciso il Private Banking…

Private Banking Awards, ecco i premiati

Nozze di perla nel private banking di Fideuram

Torna il Forum del Private Banking

Una banker italiana per Valeur

Private banking – parcella, giochi di seduzione

Un private banking tutto d’un pezzo

Guardiamo nelle tasche di un private banker

Fideuram caput mundi private banking

Private banking, la carica degli stranieri

Private, Bnp Paribas si rafforza in Germania

Banco Bpm, per i clienti private arriva il gestore di Aletti

Private banking, risiko tra le piccole

C’è Vita nel private banking

Standard Chartered perde una big manager

Ti può anche interessare

A caccia di alternativi

Fondato nel 2012 da un gruppo di imprenditori industriali e finanziari composto da Eugenio de Blasio ...

Assoimmobiliare lancia l’indice del mattone corporate

Nonostante le incertezze degli ultimi anni, il mattone resta l’investimento preferito dalle fa ...

Collezionisti in cerca di buone pratiche

Alessia Zorloni Molte transazioni di opere d’arte si concludono con discussioni e dispute legali. ...