Citigroup, grattacapi in Arabia dopo la retata dei miliardari

A
A
A
Andrea Telara di Andrea Telara 6 Novembre 2017 | 15:03

Il colosso statunitense Citigroup potrebbe incontrare nuovi ostacoli in Arabia Saudita dopo che l’azionista big promoter della banca è stato arrestato dall’unità anticorruzione la scorsa settimana, nell’abito di un’inchiesta che ha visto coinvolti diversi imputati eccellenti. Si tratta del principe miliardario Alwaleed bin Talal, 62 anni, arrestato dalle autorità saudite nel weekend con accuse ancora non ben chiare.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Petrolio e guerra dei prezzi, gli impatti sul mercato dell’energia e sulla Russia

Non solo petrolio, le opportunità in Arabia Saudita

Vontobel: petrolio, in fumo l’effetto positivo dell’attacco alle raffinerie saudite

NEWSLETTER
Iscriviti
X