I fondi europei di private equity crescono del 10,5% nel 2° trimestre

A
A
A
di Chiara Merico 15 Novembre 2017 | 12:44
Nel secondo trimestre del 2017, il Global Exchange Private Equity Index (GXPEI) di State Street ha continuato a registrare un’ottima performance, pari al 3,96%.

Trainati dalla debolezza del dollaro, i fondi europei di private equity riportano una crescita del 10,5%. Nel secondo trimestre del 2017, il Global Exchange Private Equity Index (GXPEI) di State Street ha continuato a registrare un’ottima performance, pari al 3,96%, in linea con l’incremento di 3,95 punti percentuali riportato nel primo trimestre.  L’indice GXPEI si basa su dati provenienti da limited partnership e rappresenta più di 2.500 miliardi di dollari di investimenti in private equity, con oltre 2.800 partnership di private equity al 30 giugno 2017.
“I fondi europei hanno riportato un trimestre molto solido, in parte trainati dalla debolezza del dollaro”, ha affermato Will Kinlaw, senior managing director e responsabile globale di State Street Associates, divisione di State Street Global Exchange. “Tuttavia, tralasciando l’impatto valutario, i fondi europei sono comunque stati in grado di raggiungere rendimenti trimestrali in euro pari al 3,72%, sovraperformando i fondi di private equity statunitensi in valuta locale. È’ interessante notare come il GX Private Equity Index confermi la ripresa economica del continente europeo che abbiamo visto sui mercati nel 2017”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X