Consulenza fiscale: partecipazioni qualificate e non, il dilemma dei dividendi esteri

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti13 dicembre 2017 | 09:41
Partecipazioni sociali qualificate e non, una differenza ormai destinata a diventare formale ma non sostanziale. Almeno dal punto di vista fiscale, in riferimento ai dividendi derivanti da attività all’estero. Tra le principali novità normative contenute infatti nel disegno di legge di bilancio 2018, si può citare senza dubbio “l’abrogazione” della distinzione di trattamento di queste due fattispecie da parte dell’Agenzia delle Entrate. Sono salvi, invece, i distinguo in materia di obblighi procedurali e rapporti con i non residenti. Una novità che può generare qualche problematica di valutazione.
Partendo dal principio, il disegno di legge prevede in entrambi i casi l’applicazione della ritenuta alla fonte a titolo di imposta del 26% per i dividendi derivanti da partecipazioni all’estero. Nel caso ci sia un intermediario italiano adibito alla riscossione, vale l’applicazione del principio del “netto frontiera”, ovvero l’applicazione dell’imposta (in questo caso del 26% appunto) sull’importo dei dividendi nettati dalle imposte applicate nello stato estero dove risiede l’attività.
Il problema sorge nel caso di mancata presenza dell’intermediario: ai sensi dell’art.18 del Tuir, il contribuente è tenuto a riportare l’utile nella dichiarazione dei redditi ai fini dell’autoliquidazione dell’imposta sostitutiva, pari alla consistenza della ritenuta a titolo d’imposta che sarebbe stata applicata qualora fosse intervenuto il sostituto d’imposta (ovvero, di nuovo, il 26%). Tuttavia le istruzioni del rigo RM12 del modello REDDITI persone fisiche precisano che nella colonna 3 deve essere indicato l’ammontare del reddito, al lordo di eventuali ritenute subìte nello Stato estero in cui il reddito è stato prodotto. Ed è qui, possiamo dirlo, che casca l’asino, dato che, alla luce dei sopracitati elementi, si potrebbero creare disparità di trattamento fiscale a seconda della presenza, o meno, dell’intermediario adibito alla riscossione dei dividendi. Nell’attesa di vedere il disegno convertito in legge e le derivanti precisazioni interpretative da parte dell’Agenzia delle Entrate, lasciamo ai tributaristi un po’ di materiale sul quale riflettere.

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, quando il bonus è a rischio

Mifid 2, Italia studente modello

Fideuram ISPB, raccolta monstre a giugno

Consulenti, ecco la Face App delle reti

Enasarco, le dritte in vista delle elezioni

Consulenti, italiani stuzzicati dal risparmio gestito

Credem sempre pronta al bagher

Fee only, sfondata quota 200

Consulenti, le istruzioni per conquistare i Millennials

Rendiconti Mifid 2, ecco i documenti assicurativi di Azimut

Reti e mutui, ecco i più convenienti

Credem, ora ti aiuta Emily

Enasarco, un Anasf day per parlarne

Mediolanum, così parlò di Montigny al Fed

IWBank come il Milan di Sacchi

Azimut a Palazzo Mezzanotte, pronta per la nuova sfida

Consulente, per il cliente sei come Wikipedia

Consulenti, non piacete ancora abbastanza ai paperoni

Azimut, impennata degli afflussi

IWBank, give me five

Mediolanum, la raccolta trabocca di gestito

ConsulenTia19, i momenti Anasf a Bologna

Ocf, la campagna tutta digitale a misura di consulente

Federpromm: allarme immobiliare per le famiglie

Fee only, più della forma conta la sostanza

Reti Champions League: Molesini, giornata da bomber

Banca Generali, ora il consulente ha un’arma in più

Assoreti: a maggio tanta liquidità e poco gestito

Consulenti: CheBanca! porta i manager nella città dei sassi

Caso H2O, faccia a faccia di Natixis con le reti

H2O e Allegro, un fondo dai due volti

Consulenti: tale cliente padre, tale cliente figlio

Consulenti: AcomeA vi spiega la Trade War

Ti può anche interessare

Real estate advisory, Yard al fianco di Deutsche Bank

La società stata selezionata da Deutsche Bank per estendere anche ai clienti di elevato standing de ...

La nuova frontiera dell’arte

Sempre più private bank offrono alla clientela facoltosa un servizio di art advisor. Ne parla il Fi ...

M&G Investments spiega quali opportunità cogliere nel 2019

Gli investitori dovrebbero sfruttare le opportunità di investimento che essi presentano, agendo sem ...