Consulenza fiscale: partecipazioni qualificate e non, il dilemma dei dividendi esteri

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti13 dicembre 2017 | 09:41
Partecipazioni sociali qualificate e non, una differenza ormai destinata a diventare formale ma non sostanziale. Almeno dal punto di vista fiscale, in riferimento ai dividendi derivanti da attività all’estero. Tra le principali novità normative contenute infatti nel disegno di legge di bilancio 2018, si può citare senza dubbio “l’abrogazione” della distinzione di trattamento di queste due fattispecie da parte dell’Agenzia delle Entrate. Sono salvi, invece, i distinguo in materia di obblighi procedurali e rapporti con i non residenti. Una novità che può generare qualche problematica di valutazione.
Partendo dal principio, il disegno di legge prevede in entrambi i casi l’applicazione della ritenuta alla fonte a titolo di imposta del 26% per i dividendi derivanti da partecipazioni all’estero. Nel caso ci sia un intermediario italiano adibito alla riscossione, vale l’applicazione del principio del “netto frontiera”, ovvero l’applicazione dell’imposta (in questo caso del 26% appunto) sull’importo dei dividendi nettati dalle imposte applicate nello stato estero dove risiede l’attività.
Il problema sorge nel caso di mancata presenza dell’intermediario: ai sensi dell’art.18 del Tuir, il contribuente è tenuto a riportare l’utile nella dichiarazione dei redditi ai fini dell’autoliquidazione dell’imposta sostitutiva, pari alla consistenza della ritenuta a titolo d’imposta che sarebbe stata applicata qualora fosse intervenuto il sostituto d’imposta (ovvero, di nuovo, il 26%). Tuttavia le istruzioni del rigo RM12 del modello REDDITI persone fisiche precisano che nella colonna 3 deve essere indicato l’ammontare del reddito, al lordo di eventuali ritenute subìte nello Stato estero in cui il reddito è stato prodotto. Ed è qui, possiamo dirlo, che casca l’asino, dato che, alla luce dei sopracitati elementi, si potrebbero creare disparità di trattamento fiscale a seconda della presenza, o meno, dell’intermediario adibito alla riscossione dei dividendi. Nell’attesa di vedere il disegno convertito in legge e le derivanti precisazioni interpretative da parte dell’Agenzia delle Entrate, lasciamo ai tributaristi un po’ di materiale sul quale riflettere.

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Prosegue lo sviluppo della rete Banco Desio

Widiba alla bolognese

Reti Champions League, collegamenti impossibili

La consulenza a doppio malto

Consulenti, persona giuridica? Anche no

Consulenti, una nuova alternativa per chi vuole uscire dalle reti

Consulenti: come e perchè far fare un check-up patrimoniale

Mediolanum, Doris come Capitan America

Azimut, vincenti perché indipendenti

Consulenti: se tu recluti, io ti pago

Bufi: è un’Anasf pragmatica

Credem, il nuovo volto della formazione

Mediolanum, il rendiconto ai raggi x

Banca Mediolanum: convention 2019, la cronaca completa

Consulenti, occhio al potere delle ancore casuali

Consulenti finanziari, un tour con Anima

Fideuram Ispb, quattro mesi nel segno del reclutamento

Consulenti indipendenti, ad aprile si cresce ancora

Consulenti sveglia, i ricchi hanno voglia di investire

Consulenti e pensione: Enasarco introduce il doppio calcolo (e non solo)

Dossier reclutamento – Widiba

Assoreti, il gestito mette il turbo alla raccolta

Consulenti, un aprile tra radiazioni e sospensioni

Consulenti, più della metà lavora con i social

Dossier reclutamento – Fineco

Consulenti: pianificazione successoria a regola d’arte

Consulenti, dead line sulla posta certificata

Consulenti: anticorpi del mercato contro il catenaccio

Consulenti: mi faccio una birra e cambio mandante

IWBank, reclutamento e ‘na tazzulella ‘e cafè

Dossier reclutamento: Allianz Bank FA

Bnl-Bnp Paribas LB, a lezione dai consulenti d’eccellenza

Consulente: tre grafici che ti faranno preoccupare

Ti può anche interessare

Colpo Keating per Bny Mellon

Colpo da 90 per Bny Mellon, che ha ingaggiato Catherine Keating (nella foto) come nuovo new chief e ...

UBS e Credit Suisse: da avversarie ad alleate?

Per una volta sulla stessa barca. Tra UBS e Credit Suisse esiste da sempre un clima di rivalità com ...

Hedge fund, terzo mese di deflussi a livello globale

Novembre è stato un altro mese negativo per i flussi nel settore degli hedge fund a livello globale ...