La resilienza delle private bank svizzere

A
A
A
Private di Private 29 Dicembre 2017 | 10:15

A dire la sua questa volta è James Breiding. visiting scholar del Center for International Development della Harvard University. Anche lui ha preso carta e penna per scrivere Financial Times ed esprimere un’opinione sull’articolo apparso nelle scorse settimane sul noto quotidiano britannico e intitolato: “il declino delle private bank svizzere”, che aveva provocato una reazione dura da parte della sigla di categoria delle istituzioni finanziarie elvetiche. Secondo Breiding, parlare di declino è sbagliato. Piuttosto, c’è da stupirsi della resilienza delle private bank svizzere che, da quando sono entrate in vigore le norme contro il segreto bancario, hanno perso soltanto il 2% degli asset.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Generali, “Best In Italy”

Se la Mifid 2 diventa mondiale (o quasi)

JP Morgan: un nuovo big degli Etf

Ti può anche interessare

Cvc punta sulla Serie A

Il colosso del private equity Cvc è pronto a entrare nella Serie A di calcio che si trova ad affron ...

Indosuez WM punta a quota 10 miliardi

Cala il sipario su Banca Leonardo. A poco meno di un anno dall’acquisizione della storica bout ...

Licenziati via algoritmo

Negli Stati Uniti ha fatto scalpore il reportage del sito The Verge, che racconta come Amazon si sia ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X