UBS, balza l’utile netto

A
A
A
di Luigi Dell'Olio 22 Gennaio 2018 | 07:23

Il 2017 di UBS va in archivio con numeri in forte crescita.  L’utile ante imposte rettificato è salito del 19% rispetto al 2016, raggiungendo quota 6,3 miliardi di franchi svizzeri. Il medesimo indicatore, relativamente alla sola sezione del global wealth management, si è attestato a 4,1 miliardi,  in rialzo del 14% su base annua.

UBS vanta una posizione patrimoniale  solida, con un coefficiente patrimoniale Cet1 ad applicazione integrale del 13,8%, un indice di leva finanziaria Cet1 del 3,7% e una capacità totale di assorbimento delle perdite pari a 78 miliardi di franchi.

Quanto al futuro, la banca elvetica spiega che dal 1° febbraio prossimo  Wealth Management (Wm) e Wealth Management Americas (Wma) confluiranno in un’unica divisione, denominata Global Wealth Management (Gwm). “Negli ultimi anni abbiamo trasformato le nostre attività di gestione patrimoniale adattandole al nuovo paradigma, aggiungendo 1 miliardo di utile rettificato dal 2011”, spiega in una nota il group ceo Sergio Ermotti (nella foto). “Due anni fa abbiamo iniziato ad allineare maggiormente le divisioni e l’annuncio odierno non fa che sottolineare la nostra costante evoluzione in questo senso. La strada intrapresa porterà a un perfezionamento dell’efficienza, a una maggiore condivisione di best practice, a un aumento dei rendimenti degli investimenti e a un servizio al cliente ulteriormente migliorato”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ubs, congedo di lusso per Ermotti

Ubs batte il Coronavirus

Il futuro di Sergio Ermotti non sarà in banca

NEWSLETTER
Iscriviti
X